Sarno uccide la moglie con la scossa elettrica

0

SARNO. Orrore in Germania nella casa di due sarnesi trasferitisi con tre figli per motivi di lavoro in una piccola cittadina della regione bavarese. Sergio Ingenito, 44 anni, ha ucciso la moglie coetanea, Fabrizia Raimo, con modalitá che lasciano pensare ad un raptus: l’ha prima accoltellata ma la donna si è difesa, poi ha cercato di annegarla nella vasca da bagno che lei aveva da poco preparato, infine ha lanciato nell’acqua l’asciugacapelli acceso folgorandola. • Secondo gli inquirenti tedeschi, peraltro avvertiti dallo stesso Sergio Ingenito, dietro l’atroce gesto ci sarebbe un movente di matrice passionale che avrebbe accecato l’uomo spingendolo a trucidare Fabrizia Raimo. L’accanimento con il quale il marito ha voluto mettere fine al legame che li univa da anni, non lascia comunque pensare ad altro che ad un raptus improvviso, magari scatenato dal movente della passione o della gelosia. • L’altra mattina, al culmine di una discussione nella loro casa tedesca, Ingenito ha aggredito la moglie con un coltello da cucina e colpendola con una serie di coltellate all’addome, alle spalle ed alle braccia, senza però colpire organi vitali anche grazie alla reazione della donna che avrebbe tentato di difendersi. Vinta comunque la resistenza della moglie, Ingenito l’ha sollevata di peso e l’ha scaraventata nella vasca che intanto la donna stava preparando per il bagno e lì ha provato ad affogarla; fallito anche questo tentativo, il quarantaquattrenne ha lasciato cadere nell’acqua l’asciugacapelli acceso. Così, dove non è arrivata la lama è arrivata la corrente e la moglie, dopo una serie di rimbalzi dovuti all’energia elettrica, ha esalato l’ultimo respiro. • Una scena da film horror, insomma, consumatasi in terra straniera e per cause ancora da accertare. I particolari, vista la lontananza, faticano a trapelare: sembra sia stato lo stesso Ingenito dopo l’omicidio e una volta recuperata la luciditá, ad avvertire le forze dell’ordine. I soccorsi sopraggiunti si sono trovati di fronte all’incredibile scena che non ha lasciato spazio all’immaginazione. Al momento della tragedia in casa non c’erano i figli e marito e moglie erano soli. All’improvviso pare si sia scatenata l’ennesima lite di un rapporto che si stava logorando da tempo, ma che nessuno poteva immaginare sarebbe finito in quel modo. • Il corpo di Fabrizia Raimo giace ancora all’obitorio di un ospedale di Monaco di Baviera, a disposizione della magistratura tedesca e in attesa delle decisioni dei parenti. Gaetano Ferrentino