Amalfi, verso il voto: rissa sfiorata tra Bottone e Torre

0

AMALFI. Rischia di finire in rissa l’ultimo vertice del PDL tenutosi poche sere fa al bar Sita di Amalfi. La riunione avrebbe dovuto sancire il candidato Sindaco del PDL ma i due pretendenti Giovanni Torre e Matteo Bottone sarebbero quasi arrivati alle mani. Il consigliere provinciale Bottone avrebbe infatti contestato a Giovanni Torre (attualmente i pole position per la candidatura a sindaco sostenuto tra l’altro dallo stesso Presidente della Provincia Cirielli) il mancato sostegno, così come promesso si dice , alla propria candidatura a Sindaco. Dalle parole si farebbe arrivati ai fatti. Si accende sempre più il clima in vista dell’appuntamento elettorale per il rinnovo dei vertici di Palazzo di Città. Il quadro politico è ancora confuso e la rosa dei candidati s’infittisce  giorno per giorno. Il centro sinistra punterebbe al momento sulla discontinuità al tal punto da lasciare fuori dalle trattative l’attuale Sindaco (non più ricandidabile) Antonio De Luca. Sembra che l’ipotesi d’inserire alcuni componenti, tra cui la moglie dello stesso primo cittadino, nella lista, non sia andata a buon fine così il centro sinistra per ora punterebbe al dottor  Alfonso Del Pizzo candidato nel 2004 alle elezioni provinciale cui l’Udeur di Clemente Mastella. Ma accanto a Del Pizzo e Torre ci sarebbe la candidatura a Sindaco dell’avvocato Rosario Di Maio vicino alle posizioni del governatore Caldoro e sostenuto da Andrea Cretella, storico protagonista della vita amministrativa e politica amalfitana; la candidatura di Antonietta Amatruda sostenuta da alcuni ex forzisti; poi la lista che potrebbe essere capeggiata dall’ex assessore Andrea Cretella attuale coordinatore di Cittadinanza Attiva “Costa d’Amalfi”; in via di formazione, infine, una lista della sinistra alternativa. Insomma si rischierebbe allo stato una “Maiori bis” con ben sei liste in campo.