Vico Equense Ticciano e parcheggi le contraddizioni di Cinque e Starace

0

 Vico Equense girano i comunicati politici nel comune incastonato fra la Penisola sorrentina ed i Monti Lattari  e spesso “passano” anche da Positanonews.it lasciando basiti i lettori.. come mai il quotidiano online della costa d’ Amalfi e Sorrento ( e più visto in assoluto.. basta vedere quanti poche visite hanno i video su You Tube e quante ne hanno  i nostri articoli..le pagine visitate possono anche essere più dei contatti unici perchè indicano quante volte viene visto un pezzo, e lo stesso vale per i video, ma danno l’idea della nostra visibilità) che in genere ha spirto così critico  parla così bene di un politico e dell’altro, ebbene non siamo venduti, come abbiamo letto in qualche messaggio, ne a Gennaro Cinque ne ad Aldo Starace ( ne tantomeno a Giuseppe Dilengite o altri se fanno la lista)-.

Vogliamo dirla tutta? Le forze politiche girano i loro comunicati che noi prendiamo direttamente o indirettamente per avere una informazione più completa.. non sono cioè articoli ma interventi “di parte”.. messaggi politici.. Commentiamo due messaggi lanciati per ultimo ” L’edificio che ospitava l’ ex scuola elementare di Ticciano, grazie all’impegno dei cittadini che lo hanno rimesso a posto, è diventato un centro di aggregazione culturale. Dietro questa iniziativa c’è l’associazione “Ticciano c’è”, formata dai genitori della piccola frazione collinare che da tempo lottano per avere uno spazio di socializzazione per i loro piccoli. Ne. “L’amministrazione – chiarisce – riconosce il valore dell’associazionismo quale strumento di formazione della persona, di socializzazione, di benessere individuale e collettivo, vuole favorire le opportunità di interazione e socializzazione tra coetanei e di fruizione del tempo libero.” “

A proposito di questo Positanonews era presente quando la scuola di Ticciano era utilizzata dai ticcianesei e quando questi hanno fatto resistenza e si sono visti arrivare la polizia spaventati dal “sindaco sceriffo” che addirittura ebbe un alterco con alcuni cittadini.. Per mesi quella scuola prima movimentata dai bambini e dalle famiglie è stata deserta e tristemente chiusa.. Poi veniamo a Starace si parla di Inaugurazione de “La Fabbrica delle Idee”, la sede di “In movimento per Vico, in direzione ostinata e contraria”.

Alcune immagini della sede e la presentazione del candidato sindaco per Vico Equense, l’avvocato Aldo Starace (che pubblichiamo anche noi in allegato a questo pezzo). Starace fra le altre cose parla di tutela dell’ambiente etc.. Ebbene una delle battaglie degli ambientalisti (e non solo) è contro “Boxlandia” contro la proliferazione di parcheggi dovunque e comunque.. E lo sapete chi ricorrentemente (da Sorrento a Positano, dalla penisola sorrentina e costiera amalfitana) troviamo come avvocato difensore dei costruttori e in particolare molto frequentemente della Gemar di Gargiulo?

Proprio l’avvocato Starace…Ci limitiamo a loro due perchè li riteniamo i “competitor” del momento.. e la loro ambizione pubblica di candidarsi a primo cittadino ci dà il diritto, anzi il dovere, di parlarne anche in maniera fortemente critica perchè questa è la funzione di un giornalista il watch dog del potere. Questa è la stampa bellezza.. Positanonews offre a tutti i candidati gli spazi elettorali, come tutti i giornali (ma lo dichiaramo pubblicamente quelli erano comunicati cercheremo di non pubblicarli o di filtrarli in modo da non farli passare come notizia) , ma non è venduto ne lo sarà mai.. Riteniamo che Vico si troverà ad andare al voto senza nulla di nuovo, senza un grande personaggio, con situazioni abbastanza speculari per cui non vediamo che la Città possa andare verso cambiamenti radicali (lo stesso Dilengite se riesce a candidarsi a sindaco ha già ricoperto quella carica).

Bisogna che la popolazione cresca, che le associazioni ed i movimenti prendino coscienza dei propri diritti, che le frazioni si autorealizzino e autodifendino da sole.. Moiano, Arola, Ticciano sembrano le riserve indiane lasciate sole a se stesse.. anzi riserve di voti.. Purtroppo la realtà è che a Vico invece di essere a caccia di idee si è a caccia di voti e in questa caccia fioriscono comunicati e iniziative ma nessun programma concreto e nessun afflato di vero sviluppo sembra essere all’orizzonte…