Vico Equense. Frane e smottamenti, disagi e traffico in tilt

0

Vico Equense – Frane e smottamenti in vari punti del territorio comunale, con strade chiuse o parzialmente transitabili, come via Raffaele Bosco, tra Preazzano e Ticciano, e via Mirto. Le forti piogge di venerdì e sabato a distanza di molte ore hanno prodotto gravi conseguenze sui fragili assetti geologici di diversi punti cruciali del territorio vicano e della sua estesa rete di viabilità. I disagi peggiori si avvertono tuttora tra le frazioni collinari di Ticciano e Preazzano, dove nei pressi del vallone del rivo Santa Margherita si è verificato uno smottamento a valle che ha interessato un fronte di venti metri di lunghezza per un ampiezza di circa due di via Bosco, la strada lunga oltre venti chilometri che collega tra loro e con il capoluogo la quasi totalità delle frazioni collinari. Per cercare di ovviare ai disagi per migliaia di residenti, i tecnici del Comune hanno transennato un fronte dell’importante arteria di circa 50 metri di lunghezza e sono in corso operazioni di allargamento, mediante la demolizioni di una scarpata rocciosa, sul lato a monte della strada, così da recuperare in parte la transitabilità. Nel frattempo, si circola nel tratto interessato a senso unico alternato con divieto di circolazione per gli automezzi pesanti oltre i 35 quintali e con la rivoluzione nel servizio pubblico dei bus della Eav con nuovi capolinea a Ticciano per la circolare sinistra e ad Arola per quella destra. Si spera che oggi, al termine dell’allargamento a monte dell’asse vario, si possa ritornare alla quasi normalità nella circolazione. Altro crollo, che per puro caso non ha avuto tragiche conseguenze, si è registrato nei pressi di Seiano in via Mirto, importante strada di collegamento tra la statale sorrentina e via Bosco. Sulla via, molto utilizzata come scorciatoia tra l’area collinare e la statale, sono crollati nei pressi del ristorante Steak House oltre 200 metri cubi di terreno dai sovrastanti terrazzamenti delimitati da murature in tufo. Il crollo ha del tutto bloccato la strada, con cumulo di materiale alto oltre tre metri, ed è stato danneggiata anche un’area ricoperta da un pensilina lignea nei pressi del ristorante. Naturalmente con un ordinanza è stato vietata la circolazione su via Mirto e imposto al proprietario del fondo agricolo di mettere in sicurezza l’area coinvolta dal dissesto. Altre cadute di sassi, terreno e arbusti hanno interessato via Bosco, nei pressi del bivio di Alberi, via Boza a Fornacelle e via Cimitero a Moiano con interventi della Protezione civile, dei tecnici comunali e di ditte incaricate dai privati.

(Fonte: Umberto Celentano da il Mattino)

M.P.