Con tutto l´amore che ho.. Lettera di addio allo zio Baldo di Celeste De Martino di Positano

0

 Bartolomeo De Martino (“Balduccio”) noto e stimato storico tassista a Positano e in costiera amalfitana ci ha lasciato. Positanonews pubblica una lettera di Celeste De Martino..

Con tutto l’amore che ho..

Oggi 7 marzo alle ore 19.00, nell’Aula Magna dello storico Liceo Parini, insieme ad altre gentili signore  milanesi, ho ricevuto l’Attestato per aver frequentato un Corso di autodifesa, voluto dagli enti pubblici per  fronteggiare le violenze sempre piu’ frequenti, subite da tutte le donne di tutte le eta’,nella citta’ di Milano.

Guarda caso un giorno prima della celebrazione della festa della donna.

E mentre stringevo la mano al vicesindaco De Corato, e ringraziavo, mio cugino Luigi De Martino, provava a contattarmi  al telefono, invano.

Le brutte notizie, a me  giungono sempre, mentre ricevo riconoscimenti per cui ho faticato tanto.

Mio zio Baldo ci aveva lasciato.

Il mio carissimo e carismatico zio, il nume tutelare di una famiglia matriarcale tipica del nostro Sud ,si era spento.

Un dolore forte e la consapevolezza di non poter presenziare all’esequie, mi stringono il petto e altro non so fare se ricordarlo, con gioia assieme a Voi lettori di Positanonews.

Lo zio, era uno dei tanti Positanesi, che hanno faticato per costruirsi, subito dopo la guerra, partendo da zero.

Tutta la sua generazione e anche altri, hanno reso Positano un luogo indimenticabile, una proiezione di un sogno, con le sue casette arroccate e il suo fascino che suscita ancora quegli “ohh “ meravigliati dei turisti, quando dopo il Ponte dei Pantanielli, vedono il paese che scende a mo’ di cascata, abbracciando il mare.

L’ultima volta che mio marito è stato ospite di Luigi e Celeste, figli di mio zio, ha condiviso un piatto di pasta e fagioli e zio Baldo aveva ripetutamente chiesto di porgermi i suoi saluti.

Vivere con onesta’ ed essere fieri della propria progenie non è da tutti.

Se qualcuno mi chiedesse a quali eroi vorrei ispirarmi, io risponderei a quelle persone semplici che ogni giorno si recano al lavoro e si adoperano per migliorare se stessi e coloro che li circondano.

Quest’anno, per la prima volta nei CCNL si contempla una nuova voce, quella dei premi aziendali.

Sempre esistita, sono poche pero’  le aziende che la applicano.  Da quest’anno, In busta paga, verrà inserita una nuova voce, cioè verra riconosciuto in denaro il merito a chi ha apportato iniziative che hanno prodotto migliorie nel lavoro e generato fatturato.

A mio zio, ormai, chi gli dara’ mai una medaglia o un riconoscimento per l’onesta’, per aver aiutato i suoi colleghi o per aver reso il nome di Positano sinonimo di bellezza e cortesia ineguagliabile?? E a quante persone il sindaco di Positano stringera’ la mano, riconoscendo loro il valore di aver contribuito allo sviluppo di Positano e della vita positanese??

Sapevo che volevo esserci alle esequie, li’ insieme ai miei parenti per  condividere il dolore che ci ha colpito.

Non posso farlo.

La distanza, il lavoro (siamo in meno) e al mio capo, a cui devo fiducia, non me lo consentono.

So che lo zio avrebbe capito.

Uno zio davvero speciale, che ci ha sempre accolto con generosita’ e affetto.

Sono stata fortunata ad aver conosciuto zio Baldo.

Cosi’ come i suoi figli,  hanno avuto un padre esemplare.

E mentre Luigi tentava di dirmi qualcosa con il groppo alla gola, io pensavo al mio, di padre.

Purtroppo lo vedo poco e a volte vorrei stringerlo forte e dirgli che le distanze sono incolmabili.

Allo zio, che non potro’ abbracciare , ai suoi figli e ai suoi nipoti le mie condoglianze ed il mio affetto.

Penso che siamo stati fortunati ad aver percorso un tratto del nostro cammino con una persona cosi’ speciale e che nessuna stretta di mano, nessun premio e nessun riconoscimento potranno eguagliare in questa notte di marzo.

A voi, sempre

Celeste 

.

 

A tutta la famiglia vanno le sentite condoglianze di tutta la redazione di Positanonews.

Mercoledì alle 9.30 presso la Chiesa di Santa Caterina si svolgeranno i funerali.