PIANO DI SORRENTO LA VIOLANTE PETROLI E LA DELOCALIZZAZIONE FANTASMA

0

Il WWF Penisola Sorrentina ritenendo la costruzione della Stazione di Rifornimento Carburante in via dei Platani illegittima, in quanto in contrasto con le normative vigenti, ne aveva chiesto l’immediata Revoca in Autotutela del Permesso di Costruire rilasciato e, successivamente, aveva inoltrato ricorso al TAR Campania e dettagliato esposto alla Procura della Repubblica.

 

Il WWF Penisola Sorrentina ritenendo la costruzione della Stazione di Rifornimento Carburante in via dei Platani a Piano di Sorrento  illegittima, in quanto in contrasto con le normative vigenti, ne aveva chiesto l’immediata Revoca in Autotutela del Permesso di Costruire rilasciato e, successivamente, aveva inoltrato ricorso al TAR Campania e dettagliato esposto alla Procura della Repubblica.

 

“Purtroppo il TAR non è entrato nel merito della discussione – spiega Claudio d’Esposito Presidente del WWF Penisola Sorrentina – ma ci auguriamo che sia ora la magistratura a farlo!!!

Il Tribunale Amministrativo di Napoli, infatti, ha ritenuto che il WWF Penisola Sorrentina non fosse titolato a fare ricorso per la distruzione del paesaggio a Piano di Sorrento dovendo essere l’Associazione Nazionale di Roma a proporre ricorso…insomma abbiamo perso e senza neanche essere ascoltati!!!”

 

Il disboscamento di un agrumeto storico di ben 1700 mq. aveva fatto parlare abbondantemente la stampa locale e si sperava in una sentenza favorevole che servisse a frenare analoghi scempi in arrivo. E’ infatti nelle future nefande previsioni il disboscamento di altri 1000 mq. di fondo agricolo sempre in via dei Platani per metterci un’altra pompa di benzina!!!

 

“La verità – aggiunge il Presidente del WWF – è che stiamo attraversando un brutto momento per l’Ambiente e viene da chiedersi quanti siano rimasti ancora disposti a combattere e a sacrificare qualcosa della propria felice esistenza per conservare e proteggere quel che rimane del nostro stupendo paesaggio??? Il saccheggio del territorio e il non rispetto delle regole, non solo avanzano a ritmo progressivo ma vengono anche venduti come modelli da imitare o, peggio ancora, come promesse elettorali. La nuova pompa di benzina ha distrutto un intero “pezzo” del paesaggio di Piano di Sorrento…ma di “distruggere” la vecchia struttura e i serbatoi pericolosamente interrati in Piazza Cota neanche a parlarne!!!”

 

Il WWF con nota inviata a chi di competenza ha segnalato la mancata delocalizzazione del distributore di carburanti di Piazza Cota.

 

Di seguito stralcio della nota:

– in data 10.11.2008 è stato rilasciato, al sig. Luigi Violante, il Permesso di Costruire n.37/2008 per la Delocalizzazione dell’Impianto di Distribuzione dei Carburanti della IP in via dei Platani dalla Piazza Cota;

 – la normativa vigente relativa alla razionalizzazione dei carburanti, invocata all’atto della richiesta ed ottenimento del permesso di costruire su menzionato, prevedeva la delocalizzazione dell’impianto presente nel centro abitato, al fine di incrementare in primo luogo la sicurezza dello stesso;

– in tale ottica fu individuata una nuova area in via dei Platani tra quelle considerate idonee dal Piano Carburanti;

– la costruzione della nuova Stazione di Carburanti ha comportato di fatto la distruzione di un intero agrumeto di 1700 mq;

– la grave modifica dello stato dei luoghi con lo sventramento e l’urbanizzazione di parte del fondo agricolo, per la costruzione della nuova stazione carburanti, ha dato poi il là ad ulteriori e successive trasformazioni delle aree limitrofe alla proprietà (manufatto adibito alla vendita di prodotti alimentari – nuova area parcheggio – espianto alberi al confine – realizzazione area espositiva autovetture – ecc.)

 

Considerato che ad oggi, dopo quasi un anno dall’entrata in esercizio della nuova stazione di rifornimento carburanti alla via dei Platani, e ad oltre due anni dal rilascio del permesso di costruire, non si è ancora proceduto alla rimozione e/o messa in sicurezza delle strutture ubicate in piazza Cota, il WWF ha chiesto, a chi di competenza, un sollecito interessamento atto a promuovere l’immediata riqualificazione e messa in sicurezza dell’area attualmente occupata dalla stazione I.P. in Piazza Cota così come da obblighi di legge.