PAURA POLVERINI: DUE LADRI NELLA SUA CASA A ROMA

0

ROMA – Ladri in casa di Renata Polverini. Sabato sera due sconosciuti a volto scoperto, dopo avere scavalcato il muretto del condominio sono saliti sul balcone dell’appartamento (al terzo piano di uno stabile signorile tra San Saba e la Piramide) e, approfittando dell’assenza della Governatrice hanno tentato di introdursi all’interno forzando le inferriate della finestra. Il rumore fatto dai ladri ha fatto svegliare il vicino della Polverini: sorpresi da I. R., residente nello stesso condominio, i ladri sono fuggiti a gambe levate. Sono in corso indagini da parte dei carabinieri che stanno analizzando le eventuali tracce lasciate dai malviventi.
PD ROMA: CITTA’ INSICURA
Il tentativo di furto in casa subito la scorsa notte dalla Presidente della Regione Lazio Renata Polverini non è altro che l’ennesimo segnale del clamoroso fallimento che, anche sul tema sicurezza, ha contraddistinto questi pessimi tre anni del sindaco Alemanno. I numeri dei reati sono in calo a Roma come in tutte le città d’ Italia dal 2007, quando con l’indulto ci fu un aumento record degli episodi criminosi. Ma la Roma di Alemanno è una città in cui la percezione fra i cittadini della mancata sicurezza aumenta, così come sono in aumento le violenze sessuali ed i problemi legati ai campi nomadi abusivi . Alemanno aveva demagogicamente promesso durante le elezioni del 2008 una città più sicura. Per ora abbiamo una città più buia, violenta, chiusa, con meno cultura e con meno luoghi in cui socializzare. Una città che va avanti a colpi di ordinanze che durano lo spazio di uno spot. Ordinanze addirittura su lavavetri, mendicanti, prostitute, bottiglie di vetro, e incredibilmente anche contro la possibilità di sedersi sulle scalinate per mangiarsi un panino. Chi abita a Roma sa benissimo come queste ordinanze/spot non abbiano ottenuto alcun risultato, se non quello di allestire la solita comparsata su giornali e Tv al Sindaco. Alemanno affronti il problema sicurezza in maniera profonda e con atti veri non solo con parole ad effetto. La campagna elettorale è finita da tre anni, ma il sindaco ancora deve dimostrare come si governa una complessa Capitale occidentale.

fonter:leggo                    scelto da michele de lucia

Lascia una risposta