RUBY INTERVISTATA DAL SUN: LESBO SHOW AD ARCORE"

0

MILANO – Karima al Mahrough torna a parlare delle serate di Arcore in una intervista al Sun, il tabloid del gruppo di Rupert Murdoch. Nell’intervista Ruby Rubacuori racconta «in esclusiva» di aver visto «modelle nude che mettevano in piedi una routine lesbica» per il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, aneddoto che dà spunto al Sun per il titolo dell’articolo: ‘Berlusconi guardò un sex show lesbicò, racconta la ballerina del ventrè. «Ero seduta a pochi centimetri di distanza dal Primo Ministro e i suoi amici – erano tutti uomini e si divertivano molto», dice la ragazza. Che poi racconta di quando per la prima volta ha passato una notte ad Arcore e Berlusconi è andato a trovarla in camera: «È entrato e si è seduto sul letto. Quella notte abbiamo parlato e parlato fino alle quattro del mattino. Mi ha parlato di politica».

400MILA EURO AD ALTRE 12 RAGAZZE Bonifici per 400mila euro ad altre 12 ragazze, assegni a Lele Mora e, da questi, a Emilio Fede, intercettazioni telefoniche ed sms di Mora, Fede, Nicole Minetti e delle ragazze dell’Olgettina. Sono le nuove carte dell’inchiesta sul caso Ruby che emergono dai quindici faldoni depositati la settimana scorsa dalla Procura di Milano a sostegno del giudizio immediato per Silvio Berlusconi e di cui oggi Corriere della Sera, Stampa e Repubblica riportano alcuni stralci. Dalle intercettazioni, scrivono la Stampa e il Corriere della Sera, emerge «un quadro di invidie, recriminazioni e sospetti nei confronti di Berlusconi e dei suoi legali da parte delle ragazze, che sembrano pronte anche al ricatto». «Ti rendi conto che siamo sputtanate a vita? Ma noi abbiamo il coltello dalla parte del manico», scrive Iris Berardi in un sms a un’amica. Nelle intercettazioni le ragazze parlano delle feste ad Arcore, che secondo il Corriere sono 4 in più (25 ottobre, 7 e 22 novembre, 19 dicembre) rispetto a quelle indicate nel mandato a comparire a Berlusconi e Minetti. «Quando siamo noi fa le 4 tutte le notti… Non dorme perchè sta tutta la notte lì così con noi una e un’altra», commentano due ospiti. «Lì ci sono ragazze di 20 anni che erano distrutte, erano morte, io uguale e anche di più perchè ce ne ho di più, e ce ne ho (di anni) quarantacinque meno di lui». Altre giovani, nei messaggi pubblicati dai giornali, parlano delle analisi del sangue: «Globuli bianchi a posto, non abbiamo nessun Aids. Se avevo dubbi? Mah, sai, quando uno va a letto con 80 donne, non si sa mai». Un’altra ragazza, sempre secondo il Corriere, scrive in un sms a un’amica che «oltre che per le palle bisogna prenderlo per il coso… Domani se è aperto vado in un sexy shop e prendo un pò di cose per me e te: più tr… siamo più bene ci vorrà».

Su Repubblica anche una foto in bianco e nero, scattata da una delle ragazze, che secondo la didascalia riprende la stanza di Berlusconi ad Arcore. I tre quotidiani riportano i movimenti di un conto personale di Berlusconi al Monte dei Paschi da cui risultano bonifici per 406mila a 12 ragazze, tra le quali una sola era già emersa nell’indagine. Dall’esame risulterebbero inoltre tre assegni da 100mila euro passati dai conti del premier, attraverso il suo commercialista Giuseppe Spinelli, a Mora, il quale dopo ogni versamento avrebbe a sua volta versato 50mila euro a Fede. Repubblica riporta alcuni passaggi dell’interrogatorio di Nicole Minetti. La consigliera regionale afferma di non ricordare quanto è durata la relazione sentimentale con Berlusconi. «Mi è capitato di fermarmi a dormire avendo con il presidente un rapporto di intimità», dichiara. «So che altre ragazze si fermavano ad Arcore ma sinceramente non so perchè ciò avvenisse». Corriere della Sera, Repubblica e Giornale, inoltre, riportano indiscrezioni su ciò che Berlusconi avrebbe detto incontrando alcune deputate del Pdl, ieri a Montecitorio. In particolare, il premier avrebbe definito Ruby «una pazza» e «una visionaria». «Queste rivelazioni a puntate non sono finite qua», avrebbe aggiunto: «Pensate che Ruby avrebbe raccontato ai pm di aver visto a casa mia Belen, la Carfagna e la Gelmini che ballavano nude. Ora, vi pare possibile? Oltretutto in quel periodo la Gelmini era incinta, aveva un pancione così!».

“HO FATTO SPESE DA LOUIS VUITTON” Con una parte del denaro ricevuto da Silvio Berlusconi «ho fatto spese in particolare nel negozio di Louis Vuitton di via Montenapoleone dove sono ben conosciuta». Lo racconta Ruby, la giovane marocchina al centro dell’inchiesta milanese sulle presunte feste a luci rosse ad Arcore, in uno degli interrogatori che ha reso come testimone davanti al procuratore aggiunto Pietro Forno. Il 3 agosto scorso la ragazza ha messo a verbale di aver ricevuto 187 mila euro in tre mesi da Silvio Berlusconi, rinviato a giudizio con rito immediato per concussione e prostituzione minorile. Ed ha anche raccontato, come ha speso quella somma. Una parte, 40 mila euro, l’ha consegnata «personalmente» alla madre, «mentre la parte restante l’ho spesa in vario modo; ho fatto spese – ha affermato – in particolare nel negozio di Louis Vuitton di via Montenapoleone ove sono ben conosciuta. Ho anche fatto un viaggio in Sicilia con il mio ragazzo Sergio Corsaro concedendomi vari lussi. Ho anche acquistato altri costosi beni di consumo».

BERSANI: “SIAMO SUI CARRI DI CARNEVALE DI TUTTO IL MONDO”  «Siamo in una situazione drammatica, parliamo di investimenti esteri? Ma se noi adesso siamo su tutti i carri di carnevale del mondo, di cosa stiamo parlando?». Così Pier Luigi Bersani parlando dal palco del festival Manifutura, della Fondazione Nens a Bologna. «Problemi interni? – ha continuato – viaggiamo con il pilota automatico. Il Parlamento non riesce a decidere nulla. È arrivato il Milleproroghe, e sono riusciti a finanziare le quote latte prendendo soldi da un Fondo per i problemi dei malati oncologici». Per il segretario del Pd ci sono temi che vengono usati «come alibi e paravento per togliere dai giornali i problemi veri. Abbiamo avuto per qualche giorno la ‘scossa all’economià». Bersani ha spiegato di non parlare «di destra o di sinistra. Qui c’è un problema nazionale che dobbiamo assolutamente risolvere facendo il film di quello che potrà succedere. E chi tace adesso non so come potrà parlare dopo».

fonte.leggo              scelto da michele de lucia

Lascia una risposta