Sorrento: "Tutti per uno, uno per tutti"

0

C’è la voglia di riscattarsi con l’Alessandria

SORRENTO – In tutto l’ambiente rossonero si vuol dare una scossa dopo la sconfitta contro il Como è mai come partita di quella di domenica capita a caso. Per fortuna o per sfortuna, si ci ha gli occhi puntati della giornata perché di fronte ci sono la seconda e la terza in classifica, ed entrambe desiderano ottenere i tre punti. In casa sorrentina si sono fatte sentire le voci sia del vice presidente Gambardella che del capitano Attilio Nicodemo, e l’unica parola è quella di essere tutti uniti. Il momento non è proprio di quelli che filano lisci come l’olio, tutti sono in discussione e con i fari puntati addosso, dal mister Simonelli all’ultimo degli arrivati. Ma non perché si vuol fare il processo a qualcuno, solo per dare una ulteriore spinta verso quella certezza matematica della seconda posizione, giacchè ora gli eugubini sembrano una lepre in fuga solitaria.

VICE PRESIDENTE GAMBARDELLA – Perciò “questo non è il momento di fare dei processi a qualcuno,  -dice il vice presidente Attilio Gambardella che in settimana e diventato papà per la prima volta di Vittoria Maria ed al quale vanno i nostri auguri- restando uniti possiamo uscire da questa prima crisi che può capitare ad ogni squadra”. Da queste parole si capisce fermamente che sia il tecnico che i giocatori godono di una forte stima da parte di tutto lo staff societario. Ed il vice presidente rincalza confermandolo: “Sia il tecnico che i giocatori hanno la nostra fiducia e lo hanno dimostrato ampiamente, giocando un  girone di andata ottimo”. Ma dal passato al futuro il passo è breve, perché tra due giorni ci sarà la partita con i grigi e “sarà la prima finale delle dieci che ci saranno fino alla fine del campionato”. E con la sua solita calma il vice presidente Gambardella continua dicendo che “da questa domenica incomincia una fase delicata del campionato, ed in caso di vittoria noi allontaneremo l’Alessandria cercando di centrare l’obiettivo del secondo posto che ci sarà molto utile nei play off”. E per questo che “domenica tutti devono credere che possiamo vincere contro l’Alessandria, anche se nessuno è contento degli ultimi risultati”. Ma se è vero che stiamo andando verso la primavera, se son rose fioriranno perché “lo scorso anno da febbraio a maggio la svolta per la salvezza si ebbe proprio in questi mesi. E se questo si verificherà anche quest’anno potremmo chiudere in seconda posizione”.

  Vice presidente Attilio Gambardella

CAPITAN NICODEMO – Quasi sulla stessa frequenza è il capitano Attilio Nicodemo, il quale ricorda che “bisogna restare tutti uniti come lo siamo stati fin  dall’inizio della stagione e che con il lavoro arriveremo alla vittoria”. Un lavoro che stanno eseguendo sodo sudando in una settimana che per lo più è stata fredda, ma sono ben riscaldati e “siamo messi bene e ci siamo ben allenati, sperando di giocare una buona partita e di ottenere una bella vittoria”. Mettendo da parte quella corrente alternata che ha messo in certo alone al Sorrento, per “andare avanti nel progetto che ci si è prefissi sin dall’inizio de campionato”. Un progetto che si vuol raggiungere con l’impegno sia della settimana che della domenica, come lo si è potuto vedere in questi giorni. nonostante qualche defezione momentanea, ricordiamo che Rossi ne avrà per qualche settimana.

  Capitan Attilio Nicodemo

FORMAZIONE – Mister Simonelli non ha fatto disputare come nelle ultime settimane la solita gara con una formazione del settore giovanile, ma è un pò ritornato ai vecchi tempi, quando faceva disputare la partitella internos. Ha provato gli schemi come al solito mischiando le carte, ma da quel che si è capito si ritorna all’antico, forse al 4-4-2, staremo a vedere. E la formazione anti Alessandria potrebbe essere questa: Mancinelli; Vanin, Terra, Lo Monaco, De Giosa; Erpen (a meno di un forfait all’ultimo sempre per il dolore alla gamba), Nicodemo, Togni, Manco; Carlini, Paulinho. Ad arbitrare la partita è stato designato Marco Di Bello di Brindisi, al suo fianco ci saranno i guardialinee, Alberto Teloni di Milano e Antonino Santoro di Catania.

   Arbitro Marco di Bello

GIUSEPPE SPASIANO 

Lascia una risposta