MSC a corrente alternata, Reggio vince 3-2

0

Nel 4° e 5° set errori fatali nei finali e gara gettata via

MSC Crociere Volley Sorrento – Mymamy Reggio Calabria 2-3    (25-23, 17-25, 25-19, 18-25, 14-16)

MSC CORCIERE: Ricciarello, Costa, Bassi, Scialò, Cuccaro, Panetto, Esposito; Miccio, Astarita F; Lauro (ne), Amitrano (ne), Astarita M (ne), Benedetto (ne).

1° Allenatore Russo Luigi;  2° Allenatore: Russo Paolo.

MYMAMY REGGIO CALABRIA: Mengozzi, Lindberg, Paris, Scopelliti, D’Andrea, Vitangeli, Nicosia; De Robertis, Ferraro; Barresi (ne), Cernonsi (ne).

1° Allenatore: Cernonsi Fernando

1° ARBITRO: Cantone Salvatore;  2° ARBITRO: Asta Fabrizio.

NOTE: Serata variabile; parquet buono; spettatori 150 circa.

SORRENTO – Giornata nera per lo sport sorrentino. Dopo che la squadra di calcio nel pomeriggio aveva perso per 3 a 2 a Como, in serata anche la MSC Sorrento è stata battuta dalla Mymamy Reggio Calabria con lo stesso punteggio.

Questa seconda sconfitta, se vogliamo dirla tutta, è ancora più bruciante in quando è giunta in modo rocambolesco, quando già si stava assaporando il gusto della vittoria.

Luigi Russo ha mandato in campo con la solita formazione composta da Panetto alzatore, Scialò opposto, Bassi e Cuccaro centrali, Ricciardiello e Costa di banda, Nicola Esposito nel ruolo di libero al posto di Meo Benedetto.

Il Reggio presentava Paris alzatore, De Robertis opposto, D’Andrea e Vitangeli centrali, Scopelliti e Mengozzi di banda e l’insolita coppia di liberi, Ferraro per le ricezioni e Nicosia per la difesa, che facevano la spola con la panchina.

LA GARAAd inizio del primo set le due squadre si alternano al comando del punteggio, rimanendo sempre vicine. Sul punteggio di 14 a 13 per la Mymamy, lo schiacciatore Marcelo Costa accusa una distorsione alla caviglia ed è costretto ad uscire definitivamente, lasciando il posto a Francesco Astarita. Questo favorisce per un certo verso gli ospiti, che vanno al secondo riposo sul 16 a 13, ma dopo la MSC ribalta il punteggio e chiude il set 25 a 23 con un attacco di Scialò.

Nel secondo set il Sorrento ha una flessione e la Mymamy ne approfitta prontamente portandosi a condurre già dai primi scambi. I due schiacciatori Mengozzi e Scopelliti passano con disinvoltura, il muro azzurro locale non regge ed il divario si dilata man mano che si va avanti; 8 a 5 al primo riposo, 16 a 12 al secondo ed infine 25 a 17 a fine set.

Nel terzo set si rivede la MSC convinta e concentrata di inizio gara e così il muro riesce ad arginare Mengozzi e Scopelliti. Il punteggio rimane in equilibrio fino al secondo riposo, poi Astarita F. indovina un paio di battute e porta avanti i costeri che chiudono il set 25 a 19.

Il penultimo set invece è identico al secondo anche nella progressione del punteggio. Gli azzurri calabresi la fanno nuovamente da padroni incontrastati, andando al primo riposo sul punteggio di 8 a 5, al secondo sul 16 a 12 e chiudono 25 a 18. Dopo che i ragazzi di mister Russo L. avevano errato alcune schiacciate e ricezioni. Si va al tiebreak.

L’ultimo set, come tutti quelli dispari, è giocato alla pari dalle due squadre. Sul punteggio di 12 pari c’è un’azione dall’esito contestato; il primo arbitro assegna il punto alla MSC dicendo che la palla era dentro, scatenando così le vibranti proteste di Mengozzi che rimedia un cartellino giallo e subito dopo quello rosso. Il punteggio viene portato sul 14 a 12 per la MSC e Scialò va in battuta per il match ball.

Il servizio dell’opposto sorrentino finisce direttamente su fondo, e nei tre scambi successivi il Reggio ottiene altri tre punti, chiudendo set e partita col punteggio di 16 a 14. Per la MSC una vera e propria beffa.

SALA STAMPA – Ancora una volta il volto di mister Russo Paolo è avvolto da un alone scuro, è la seconda gara consecutiva casalinga persa, ma stavolta contro un Mymamy che era alla portata dei costieri. Poiché anche se li sovrastava di  tre punti, poteva avere agguantato. Purtroppo “in ogni set siamo partiti sempre in svantaggio. In questa partita abbiamo deciso di far giocare Esposito a libero, poi Costa si è fatto male ed abbiamo piazzato Astarita F in ricezione”.  E la causa “fatale è stata la ricezione, poi le alzate non erano impeccabili e siamo andati in difficoltà”. Ed alla fine “abbiamo pagato le scelte che sono state fatte”. E sabato sera alle ore 19,30 sotto l’Etna ci saranno i fuochi d’artificio, un punto potrebbe far comodo.

   Mister Russo Paolo

GIUSEPPE SPASIANO – ANTONIO ABBATE