Serie A – Tre punti con polemiche per l´Inter

0

A San Siro, nel secondo anticipo della 26a giornata di Serie A, i nerazzurri superano 1-0 il Cagliari con un gol irregolare a metà tra Kharja e Ranocchia, quest’ultimo nettamente in fuorigioco. Inter stanchissima nella ripresa e con la testa già alla sfida di mercoledì col Bayern

E sono nove su undici. Leonardo ci prende gusto e piazza l’ennesima vittoria sulla panchina nerazzurra rilanciando con prepotenza la candidatura della sua Inter per la lotta al titolo. Superato il Cagliari, di misura e con un gol irregolare, ma al termine di una partita che ha regalato mille occasioni nel primo tempo prima di spegnersi nella ripresa a causa di un’Inter in riserva e con la testa già al Bayern Monaco.

TURNOVER PER LEO; DONADONI SENZA PAURA – Leonardo non farà conti matematici ma in vista dell’eurosfida col Bayern Monaco, e tenendo presente dei tanti impegni ravvicinati che in pratica hanno obbligato l’Inter a giocare sempre ogni tre giorni, fa rifiatare Cambiasso e Stankovic a centrocampo rilanciando Kharja e Pandev, con Nagatomo confermato in difesa. Il Cagliari, invece, arriva a Milano con la tranquillità di potersela giocare con serenità e senza troppe pressioni: per questo Donadoni non snatura la squadra presentando Cossu alle spalle del duo Nenè-Aquafresca per mandare un chiaro segnale ai nerazzurri: arriviamo qui per giocarcela a viso aperto.

RANOCCHIA O KHARJA? SARANNO COMUNQUE PROTESTE – E così è. Già, perché le due formazioni danno vita a un primo tecnico spettacolare e pirotecnico. Divertimento assicurato proprio da due squadre che attaccano senza paura, concedendo ovviamente qualcosa in difesa. Nell’Inter manca Lucio, così come Sneijder, ma c’è un Ranocchia che continua a crescere partita dopo partita. Proprio il giovane difensore è uno dei protagonisti dell’episodio che sblocca il risultato al settimo minuto: punizione battuta d’astuzia dall’Inter con Kharja che prima impegna Agazzi e poi lo buca sulla ribattuta. Il pallone colpisce anche Canini e Ranocchia, ma il difensore interista (al pari di Thiago Motta) è in evidente posizione di offside. Il guardalinee non se ne avvede, gol convalidato con i giocatori del Cagliari che accerchiano Celi senza successo. Ne fa le spese Cossu, ammonito per tutti.

RITMI VERTIGINOSI, SPETTACOLO A SAN SIRO – Il match decolla, perché il Cagliari si butta in avanti senza timore alla ricerca del pareggio mentre l’Inter punge con la sua arma migliore: il contropiede. Eto’o, però, è stranamente impreciso mentre Pazzini gira alto uno splendido cross di Maicon. Meglio Pandev, che già in avvio aveva scaldato i guantoni di Agazzi, uno dei più attivi in campo mentre dall’altra parte Julio Cesar se la vede brutta in più occasioni ma per fortuna sua gli attaccanti cagliaritani non trovano mai lo specchio della porta.

INTER COL FIATONE, LEO PENSA AL BAYERN – Dopo i fuochi d’artificio della prima frazione, la ripresa ci regala gli stessi protagonisti ma un copione decisamente diverso. L’Inter, infatti, torna in campo con l’intenzione di controllare la sfida affidandosi a un prolungato ma innocuo possesso palla per risparmiare energie in vista della sfida europea di mercoledì. Il Cagliari annusa il momento di difficoltà degli uomini di Leonardo e comincia ad azzannare una preda in costante difficoltà. Leonardo, inoltre, ci mette del suo togliendo i vari Eto’o, Thiago Motta e Kharja, risparmiati in ottica Bayern, ma privando di una squadra – cotta e senza benzina – della qualità necessarie per mettere in ghiaccio i tre punti.

ASSALTO FINALE, MA IL FORTINO REGGE – Così, gli uomini di Donadoni cominciano a schiacciare l’Inter nella propria area di rigore. Un assedio che fa tremare i tifosi nerazzurri presenti a San Siro, spaventati a morte dalle conclusioni dalla lunga distanza di Conti prima e Lazzari poi che fanno la barba al palo di Julio Cesar. L’Inter gioca sui nervi e riesce comunque a portare a casa tre punti pesantissimi in questa fase della stagione dove con il ritorno di Champions ed Europa League le energie fisiche ma anche psicologiche possono diventare fondamentali nella lunga e faticosa maratona verso il titolo.

visita il mio blog

http://calcionapoli.positanonews.it

PROSSIMA PARTITA DEL NAPOLI OGGI

Alessandro BRUNETTI / Eurosport              SCELTO DA MICHELE DE LUCIA