Monti Lattari. Gragnano – Furto di corrente, ritirate licenze a due locali del clan

0

Allacciamenti abusivi alla rete elettrica nazionali, ritirate le licenze a due locali di proprietà di persone affiliate al clan camorristico “Afeltra-Di Martino”. L’operazione è stata condotta dai carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia e della locale stazione, in collaborazione con colleghi del Nas, Noe e nucleo ispettorato del lavoro di Napoli. I militari, coordinati dal capitano Gennaro Cassese e dal tenente Fabio Ibba, sono intervenuti sulla statale per Agerola dove hanno effettuato controlli presso il ristorante “nonno Nino” e nella caffetteria “Monti Lattari” rispettivamente di proprietà di un 29enne detenuto e di un 20enne latitante, entrambi affiliati al clan camorristico degli “Afeltra – Di Martino” operante a Pimonte e Gragnano. I controlli hanno portato così alla scoperta, in entrambi i locali, di un allacciamento abusivo alla rete elettrica nazionale. A seguito della scoperta è stata arrestata Giuseppina Romano, 22 anni, residente a Gragnano, attuale gestrice del ristorante, ritenuta responsabile di furto continuato e aggravato di energia elettrica. Il proprietario della caffetteria è stato, invece, denunciato per furto di energia elettrica mentre il proprietario 33enne dello stabile è stato denunciato per abusivismo edilizio avendo realizzato strutture in ferro (gazebo) senza alcuna autorizzazione. Al momento dei controlli presso la caffetteria, erano presenti la fidanzata 20enne convivente del latitante proprietario dell’esercizio commerciale, ed un commesso 27enne del luogo. I due, alla richiesta delle generalità avanzate dai militari, avevano fornito false informazioni. Per questo, sono stati denunciati per falsa attestazione d’identità a pubblici ufficiali. Al termine dei controlli, considerate le violazioni di natura penale contestate, i carabinieri hanno proceduto al ritiro delle licenze ad entrambi i locali pubblici. Controlli sono poi stati effettuati anche alle abitazioni dei proprietari dei locali, dove sono stati scoperti allacciamenti abusivi alla rete idrica. Per questo, gli stessi proprietari sono stati denunciati per furto di acqua. M.P.