POSITANO, la prevenzione inizia dalle Scuole

0

Sono stati distribuiti in data odierna i “manuali di protezione civile” a docenti ed alunni delle scuole medie di Positano in costiera amalfitana

Come è noto la prevenzione è l’arma migliore contro il rischio e il Servizio di Protezione Civile del Comune di Positano ha deciso di puntare proprio sulle Scuole della Città Verticale per iniziare la propria campagna di sensibilizzazione verso la cittadinanza nei riguardi delle tematiche di protezione civile. Oggi nell’Auditorium dell’Istituto Comprensivo di Positano e Praiano è stato infatti presentato ad alunni ed insegnanti il Piano Comunale di Emergenza ed illustrati i rischi che maggiormente gravano sul territorio comunale. L’iniziativa, che costituisce un percorso condiviso tra la componente tecnica e politica del Comune e la Dirigenza Scolastica, ha visto la partecipazione del responsabile dell’ufficio di protezione civile comunale, arch. Gaetano Cerminara ed il consulente di Protezione Civile dell’Amministrazione, dott. Agostino Celentano redattore del P.E.C. (Piano Comunale di Emergenza). Oggi non si è parlato solo di rischio e prevenzione, alle parole ha fatto seguito la distribuzione (ad opera dei volontari del Gruppo Comunale) del “Manuale di Protezione Civile”, un opuscolo di 32 pagine che tratta delle situazioni di rischio più comuni (dai terremoti, alle alluvioni, agli incendi così come dei pericoli della strada, del meteo e del mare) e delle misure di autoprotezione più adeguate per affrontarli. L’opuscolo è stato realizzato dal Comune di Positano in collaborazione con il Settore Regionale di Protezione Civile (un particolare ringraziamento va all’arch. Francesco Santoianni che ha ideato e curato i testi e le vignette del manuale) e contiene al suo interno, oltre ai saluti del Sindaco  De Lucia e dell’assessore Guarracino, una parte “personalizzata” dal Servizio di Protezione Civile comunale in base alle peculiarità e ai rischi del territorio di Positano; chiude l’utile guida una pagina dedicata ai recapiti telefonici dei servizi di emergenza presenti sul territorio o limitrofi ad esso. L’idea di puntare sulle scuole (a breve verrà organizzato un altro incontro con le elementari) è legata sia alla maggior sensibilità delle giovani menti verso gli argomenti attinenti la sicurezza ed il proprio territorio, sia all’effettivo ritorno che si avrà nelle famiglie dei ragazzi dove il manualetto  verrà portato contribuendo ad affermare, insieme ad altre iniziative, il linguaggio universale degli operatori di protezione civile e quindi una maggior propensione verso argomenti che oggi stentano ad affermarsi nel “sistema famiglia” che costituisce, a parere dello scrivente, la pietra angolare su cui basare le politiche di protezione civile a scala comunale.

dott. Agostino Marco Celentano

consulente Protezione Civile città di Positano