MUBARAK INCONTRA PREMIER, SI TEME UN GOLPE FOTO/VIDEO FOLLA DANZA IN PIAZZA TAHRIR

0

IL CAIRO – Anche se la sorte del presidente Mubarak è ancora incerta e si attende di sapere entro stasera se rimarrà al potere o no, le centinaia di migliaia di manifestanti di piazza Tahrir hanno già cominciato a esprimere gioia con danze e canti e sventolando in alto piccoli striscioni e cartelli con la scritta ‘Mubarak vattenè. Un ufficiale di alto grado dell’esercito, Ahmed Ali Shoman, è entrato stasera in piazza ad uno dei varchi presidiati dai carri armati, ha consegnato le sue armi ai soldati e ha detto di volersi unire ai manifestanti. Ad un microfono ha quindi rivolto al presidente Mubarak la ‘supplicà di lasciare il potere dopo 30 anni: «tutto il popolo vuole che tu te ne vada», ha detto rivolto al presidente. Al capo di stato maggiore dell’esercito, Sami Anan, agli altri comandanti dell’esercito ha chiesto «che cosa aspettate per assumervi le vostre responsabilità?. I poveri sono sempre più poveri, l’Egitto è andato in rovina: dopo 15 giorni di questa situazione dovete capire che il paese non vuole più» questo regime. Infine, rivolto al vicepresidente Omar Suleiman ha affermato: «sei stato al vertice di uno degli apparati più delicati dello stato negli ultimi 20 anni. Che cosa hai fatto per questo paese e per evitare che portassero via denaro e risorse?».

LA FINE DI UN’ERA Svolta nella situazione egiziana. Il primo ministro Ahmed Shafik, stando a quanto dice la tv Al Arabiya, avrebbe affermato che il presidente Hosni Mubarak potrebbe dimettersi. Il Consiglio superiore delle forze armate egiziane è riunito per «esaminare la situazione», mentre un alto ufficiale dell’esercito egiziano ha annunciato con il megafono alla piazza Tharir, dove ci sono ancora migliaia di manifestanti, «buone notizie per stasera» e che le richieste dei manifestanti stessi saranno soddisfatte.
Il segretario generale del partito egiziano di governo NDP, Hossan Badrawi, ha detto alla BBC di «sperare» che il presidente Hosni Mubarak trasferisca il potere al vicepresidente Omar Suleiman. Badrawi ha aggiunto che Mubarak parlerà «probabilmente» stasera alla nazione. L’emittente tv al Jazira ha annunciato che c’è una fuga di notizie stampa secondo cui il presidente Hosni Mubarak avrebbe lasciato il Paese per una destinazione imprecisata, mentre fonti della tv americana Nbc danno ormai per scontato che questa sera il presidente egiziano darà le dimissioni. Secondo Al Arabiya invece Mubarak è partito per Sharm el Sheikh assieme al capo di stato maggiore dell’esercito, generale Sami Anan.

Dopo l’annuncio da parte del primo ministro Ahmed Shafik che il presidente Hosni Mubarak potrebbe dimettersi stasera, i manifestanti in piazza Tahrir, che oggi pomeriggio si è riempita totalmente, sono in fibrillazione e attendono notizie e annunci attraverso le radio portatili. Sopraggiunta l’ora della preghiera, la piazza si è zittita e migliaia di persone si sono inginocchiate per pregare. Intanto diversi media internazionali hanno confermato le imminenti dimissioni del rais. Secondo la Nbc il vice presidente Omar Suleiman prenderà il posto del presidente, che dovrebbe a breve rivolgere un discorso al paese. Mentre per Al Jazira Mubarak avrebbe già lasciato l’Egitto per una destinazione imprecisata. L’esercito egiziano ha annunciato in un comunicato di aver cominciato a prendere «le misure» necessarie «per proteggere la nazione» e per «appoggiare le richieste legittime del popolo».

MUBARAK STASERA PARLA IN TV Il presidente egiziano Hosni Mubarak parlerà questa sera alla Nazione. Lo ha annunciato la tv di Stato egiziana. Il primo ministro Ahmed Shafik ha affermato che Mubarak è ancora al potere e che nessuna decisione è stata ancora presa. Lo riferisce l’emittente tv al Jazira, precisando che il capo dello Stato si rivolgerà alla nazione stasera dal palazzo presidenziale. Fonti dell’emittente tv al Jazira hanno detto che l’esercito si è opposto alla diffusione di un discorso in cui il presidente Hosni Mubarak avrebbe dovuto annunciare il trasferimento di tutti i suoi poteri al vice presidente Omar Suleiman. Il presidente egiziano Hosni Mubarak sta ora incontrando al palazzo presidenziale il primo ministro Ahmed Shafiq.

FRATELLI MUSULMANI: TEMIAMO IL GOLPE «Sembra un golpe militare – ha detto Essam al-Erian -. Sono preoccupato e in ansia. Il problema non è con il presidente, è con il regime».

IL COMUNICATO DELL’ESERCITO Questo il testo integrale del «comunicato numero 1» del Consiglio supremo delle forze armate egiziane nel quale è stato annunciato che il consiglio sta esaminando «le misure» necessarie per proteggere il paese. La televisione di stato ha interrotto i programmi per diffondere il breve comunicato letto da un militare in uniforme. Di seguito, la televisione ha mostrato immagini degli ufficiali membri del consiglio, presieduto dal ministro della Difesa, il maresciallo Mohammed Hussein Tantaui. «Tenuto conto della responsabilità delle forze armate e del loro impegno a proteggere il popolo e preservare i suoi interessi e la sua sicurezza; per vigilare sulla sicurezza della nazione e dei cittadini e sulle conquiste del grande popolo egiziano; per sostenere le richieste legittime del popolo, il consiglio supremo delle forze armate si è riunito oggi, gioved 10 febbraio». Il consiglio «ha deciso di rimanere riunito in sessione permanente per esaminare le decisioni che possono essere prese al fine di proteggere la nazione, le conquiste e le ambizioni del grande popolo d’Egitto».

 http://www.leggo.it/video.php?idv=7993&id_news=103404

http://www.leggo.it/video.php?idv=7992&id_news=103404

http://www.leggo.it/video.php?idv=7947&id_news=103404

 

fonte:leggo                              scelto da michele de lucia