"AIUTO, MI HANNO VIOLENTATA". RAGAZZA CHIAMA I CARABINIERI POI SPARISCE IN UMBRIA

0

PERUGIA – Una notte di baldoria con un’amica e alcuni nordafricani, qualche bicchiere di troppo, poi un lieve incidente stradale, un inspiegabile allontanamento e una strana telefonata ai carabinieri («mi hanno violentata»): è scomparsa così, la scorsa notte, nei pressi di Perugia, una studentessa di 25 anni, che dopo l’incidente si è messa alla guida dell’auto trovata stamani, vuota e abbandonata, vicino ad un torrente. È mistero sui motivi dell’allontanamento da parte della giovane, residente nei pressi di Città di Castello. Una ragazza come tante, spiegano gli inquirenti, con una famiglia «normale». L’incidente è avvenuto intorno alle 2, nei pressi di una discoteca in località Casa del Diavolo, nel Perugino. Si è trattato soltanto di un lieve tamponamento, senza gravi conseguenze. La giovane – secondo la ricostruzione degli investigatori – era con un’amica, a bordo di un’auto, una Fiat Punto, guidata da quest’ultima. Mentre l’amica, scesa dall’auto, stava parlando con il conducente dell’altra vettura coinvolta, la venticinquenne si è allontanata alla guida della Punto. L’amica ha quindi chiamato i carabinieri per dare l’allarme. Ai militari ha, fra l’altro, detto: «Abbiamo bevuto qualche aperitivo di troppo, sono preoccupata per lei». Anche la giovane scomparsa ha telefonato ai carabinieri dicendo di essere stata violentata e di essere poi rimasta bloccata poiché la sua auto si era impantanata, nella zona di Ponte Pattoli. Poi il suo telefonino non ha più dato segnali. Gli investigatori hanno sottolineato che la veridicità delle sue affermazioni deve ancora essere accertata. Quello che è stato accertato è che le due ragazze, dopo una serata a Perugia, si sono fermate in un bar lungo la strada per tornare a Città di Castello. Qui hanno bevuto in compagnia di alcuni ragazzi marocchini, probabilmente appena conosciuti, poi si sarebbero allontanate da sole. Una versione che sarebbe anche stata confermata da alcuni presenti nel bar, sentiti oggi dai carabinieri e dagli stessi ragazzi marocchini. Poi l’incidente e la ‘fuga’ della ragazza. La Fiat Punto, con il telefonino della venticinquenne al suo interno, è stata trovata stamani, in una zona di campagna, in località Civitella Benazzone, una frazione a 15 chilometri da Perugia non lontana dal luogo dell’incidente, nei pressi del torrente Ventia. Le ricerche proseguono, in una vasta area nella zona Nord del capoluogo umbro.

fonte Leggo

scelto da Michele Pappacoda