Cilento. Il via ai lavori di demolizione delle strutture in prossimità delle mura romane

0

A darne l’annuncio è Giovanni Fortunato, primo cittadino del comune di Santa Marina, che si è detto soddisfatto per la grande conquista. Dopo settimane di preparazione le ruspe sono entrate in azione per smantellare le strutture, espropriate dal comune, a pochi metri delle mura greco-romane. Tra i vari depositi è stata demolita anche una struttura che conservava materiale edile per un’azienda del posto di proprietà dell’ex sindaco di Policastro, Nicola Sateriano. Una brutta vicenda per Sateriano che ha lottato in tutti i modi per evitare questo provvedimento, infatti questo provvedimento, infatti nel 2009 aveva avuto la meglio in quanto la IV commissione del consiglio di stato ne aveva sospeso la demolizione; tutto ciò però era stato- a quanto pare- momentaneo e il sindaco Fortunato non si è mai dato per vinto tant’è che allora aveva garantito che in pochi mesi l’area sarebbe stata ripulita, riqualificata e restituita alla popolazione di Policastro. La causa si è protratta ancora fino a che, pochi giorni fa, il Tribunale Amministrativo Regionale ha autorizzato l’esproprio dei materiali da parte del comune che ha iniziato i lavori senza neppure la decisione del consiglio di stato. Per Fortunato si tratta di una grande conquista conclusasi come lui stesso aveva assicurato, infatti due anni fa aveva detto: “Non è possibile che in un paese democratico si possa scempiare uno dei monumenti più importanti della costa cilentana. Sono stato troppo umano, perché avrei dovuto ordinare subito l’abbattimento.. ma la prossima volta vi assicuro che le ruspe entreranno in azione il giorno dopo la sentenza” ed oggi, a distanza di due anni dice: “ C’è voluto tanto tempo ma alla fine siamo riusciti ad appropriarci di un sito importante per la comunità e per il recupero del centro storico”.

Fonte: Foto e articolo Giornale del Cilento.