Carpedil in Sicilia alla ricerca del riscatto. Il general manager Porfido suona la carica

0

BATTIPAGLIA – Brucia ancora in casa Carpedil Battipaglia la sconfitta interna incassata sabato scorso, dopo la sosta natalizia, contro Caserta. Ecco perché la settimana appena trascorsa è stata vissuta dalle ragazze di coach Salineri al massimo della concentrazione, al fine di arrivare preparate al meglio alla prossima sfida in campo esterno, in programma domenica alle ore 18 contro ‘La Mia Valle Orlando Basket’. A fare il punto della situazione è il general manager della Carpedil Battipaglia, Catello Porfido: “E’ la prima nostra trasferta siciliana perché tutte le squadre isolane, a causa del calendario un po’ strampalato, le abbiamo affrontate nel girone d’andata tra le mura amiche del ‘PalaZauli’. Quindi, domenica ci toccherà giocare in campo esterno la gara di ritorno con Capo d’Orlando. E’ un avversario tutt’altro che semplice, considerato il loro è un roster di assoluto primo livello. A noi però spetterà il compito di lottare fino all’ultimo secondo per vincere questa partita di fondamentale importanza e lasciarci definitivamente alle spalle il passo falso della scorsa sfida. Sarà un’impresa, ma cercheremo di portarla a termine”. Durante la settimana la squadra di Salineri si è ricompattata, ha preso atto del pesante scivolone interno ed ha rinnovato al contempo le prospettive. “In Sicilia giocheremo certamente con il piglio giusto”, ha detto il dirigente della Carpedil. “Non dimentichiamo che nonostante la sconfitta occupiamo sempre la vetta del girone C2 del campionato di B d’eccellenza. Questa squadra ha le qualità e le doti, grazie agli sforzi e ai sacrifici fatti dal presidente Angela Somma, necessarie per poter primeggiare fino alla fine del torneo”. La Mia Valle Orlando Basket milita la terzo posto della classifica, a quota 14 punti, in condominio con un altro team siciliano, il Maddalena Vision Verga Palermo. “Conosco nei minimi dettagli quelle zone”, ha detto Porfido. “Sono ambienti caldi, ostici e so bene cosa significa giocarci. Il Capo d’Orlando, considerato anche il piazzamento in graduatoria, cercherà sicuramente di complicarci la vita per riscattare al contempo il ko dell’andata. Noi, però, siamo la capolista e sicuramente daremo loro del filo da torcere”. Arbitreranno il match del ‘PalaFantozzi’ di Capo d’Orlando i direttori di gara Andrea Giacalone di Trapani e Dario Lombardo di Siracusa.