POSITANO, il Servizio di Protezione Civile incontra le scuole

0

Ancora un’iniziativa della Protezione Civile comunale per le scuole di Positano.

Stamane nell’auditorium della scuola media di Positano, in costiera amalfitana, si è tenuto un importante incontro con il Servizio di Protezione Civile comunale. Un’iniziativa concertata con la Preside prof.ssa Rita Parlato che ha visto come relatori l’Assessore alla P.C. geom. Raffaele Guarracino, il responsabile del servizio di protezione civile comunale arch. Gaetano Cerminara e l’emergency manager Agostino Celentano, autore del Piano Comunale di Emergenza. Era presente anche una rappresentanza degli ottimi volontari del Nucleo di Protezione Civile. “In pratica – spiega l’assessore Guarracino – la giornata di oggi, voluta fortemente dalla struttura comunale e concordata con il dirigente scolastico, ha avuto come oggetto l’informazione (resa ai ragazzi e ai loro docenti) sul sistema nazionale e locale di protezione civile”. L’Amministrazione di Positano è stata la prima in tutta la “Divina Costiera” a dotarsi di un piano comunale a norma rispetto alle importanti novità legislative in materia di rischio idraulico e geologico, rischio sismico e rischio incendi di interfaccia. La peculiarità del piano, rispetto ad altri presenti in provincia di Salerno e Napoli, è quella di aver censito puntualmente le aree a rischio di tutto il territorio di Positano identificando gli edifici e le vulnerabilità all’interno di aree “rosse” e strutturando adeguate procedure di preannuncio e allarme in caso di eventi prevedibili, con il coinvolgimento delle strutture comunali e di volontariato di Positano e Comuni limitrofi. Il tutto è inserito su un opportuno Sistema Informativo Territoriale semplice nell’utilizzo e omologato dalla Regione Campania per gli usi di Protezione Civile. Tra i compiti dell’Amministrazione Comunale c’è quello dell’informazione alla popolazione e iniziative di questo tipo sono esattamente il modo corretto di portare queste informazioni (norme di comportamento, vulnerabilità del territorio, procedure comunali) nelle case dei cittadini. Se è demagogico il concetto di rischio “zero” è pur vero che i cittadini devono imparare a convivere con i potenziali rischi del territorio, imparando a conoscerli e fattivamente contribuire alle attività di emergency preparedness dell’Ente Comune, primo pilastro del Sistema Nazionale di Protezione Civile. La mattinata è stata resa piacevole per l’alto interesse destato nei ragazzi delle medie (e nei loro professori, giunti anche dalla vicina Praiano) che hanno, attraverso la proiezione di diapositive e foto di eventi calamitosi ad alto impatto emotivo, constatato le attività che i Servizi di Protezione Civile portano avanti quotidianamente, formulando pertinenti domande soprattutto nei riguardi del rischio sismico e vulcanico. Seguirà a breve distanza di tempo un altro incontro tematico che verterà sui rischi della città di Positano, sulla dettagliata spiegazione del Piano Comunale di Emergenza e sui comportamenti da adottare prima, durante e dopo le varie ipotesi di calamità previste nel Piano. Sarà anche l’occasione per consegnare un opuscolo divulgativo realizzato dal Servizio Comunale in collaborazione con quello Regionale avente per oggetto proprio la corretta conoscenza dei rischi territoriali e delle norme di “auto protezione”. Si prevede la stampa di circa 1000 manualetti che raggiungeranno tutte le case di Positano innanzitutto attraverso le scuole.

Dott. Agostino M. Celentano

emergency manager città di Positano

Lascia una risposta