Amalfi laboratorio interculturale Inclusione ed immigrazione a scuola.

0

Riconoscimento eccellente per l’istituto tecnico per il Turismo di Amalfi-Maiori, incluso fra i dieci istituti superiori della Provincia di Salerno che, secondo analisi e considerazioni dell’Università di Salerno e del Provveditorato regionale, hanno primeggiato nella progettazione ed espletamento di situazioni di inclusione ed immigrazione a scuola. Il dirigente scolastico del Turistico, prof. Filippo Toriello, che è anche dottore di ricerca in Pedagogia della Formazione e professore a contratto presso la SICSI campana e collaboratore della cattedra di pedagogia generale e sociale (SUN), oltre alla presentazione di una pubblicazione “educare in prospettiva interculturale”, ha svolto una apprezzata relazione che, appunto, ha portato all’ambito riconoscimento.

Nell’istituto turistico di Amalfi è stato creato un Laboratorio Permanente Interculturale (LaPi) per venire incontro a nuove situazioni createsi con l’arrivo, anche in quella scuola, di alunni di etnia e cultura diverse. Grandi problemi non si sono ravvisati perchè, come è noto da decenni, l’istituto turistico, con i suoi alunni, è in continuo contatto con alunni provenienti da situazioni etniche, sociali, di colore nettamente diversi. Per cui c’è stato bisogno da parte dei docenti, degli alunni e del personale ATA di una apertura mentale avente come fine il dialogo per una totale coesistenza. I risultati sono soddisfacenti perchè portano ad eliminazione di pregiudizi; ad incentivare comportamenti scolastici di grande accoglienza ed accettazione; eliminazione di smarrimento e “spaesamento” negli alunni stranieri; ad intraprendere attività interculturali; alla valorizzazione di risorse degli alunni stranieri.

Si è arrivatri alla creazione di laboratori per un maggiore impegno interculturale: laboratori della ricerca o della conoscenza; laboratori dell’espressività e del contenimento; laboratorio sociale o della coesistenza.

gaspare apicella