Fondazione Ravello presidenza a Cerchiai la soddisfazione di Bellacosa

0

Ravello costiera amalfitana E’ Fabio Cerchiai il nuovo presidente della Fondazione Ravello. Lo ha deciso il consiglio di indirizzo che, ieri mattina, si è riunito presso la sede romana della regione Campania. Nessun colpo di scena, dunque, ha caratterizzato il nuovo corso della Fondazione: decretata l’uscita di scena di Domenico De Masi che per otto anni ha retto le sorti dell’ente che organizza, tra l’altro, il Ravello Festival. Tutto, dunque, si è svolto secondo un copione giá scritto, rispettando gli accordi presi qualche mese fa, in base ai quali era stata decisa la sostituzione del sociologo. • Comincia quindi la nuova fase del Progetto Ravello, l’ambizioso programma voluto fortemente dall’ex sindaco, Secondo Amalfitano, che aveva individuato proprio in De Masi il regista perfetto per il lancio del progetto. E, stavolta, si riparte da presupposti ben più solidi e concreti, primo fra tutti l’auditorium “Oscar Niemeyer” la cui gestione, molto probabilmente, sará affidata proprio alla Fondazione, come giá era stato preventivato qualche tempo fa, prima che l’accordo saltasse a causa di alcune incomprensioni tra l’amministrazione comunale e i vertici della Fondazione. • Oltre alla scelta del presidente, individuato appunto nel massimo rappresentante di Autostrade per l’Italia, il consiglio di indirizzo (nel quale sono stati cooptati il ministro Brunetta ed Ermete Realacci), composto dal produttore cinematografico Aurelio De Laurentiis, dall’industriale Antonio D’Amato, dal presidente di Telecom Italia, Gabriele Galateri, dagli assessori regionali Caterina Miraglia e Giuseppe De Mita, dal presidente della Provincia di Salerno, Edmondo Cirielli, da Filippo Patroni Griffi, da Salvatore Nastasi, dal commissario prefettizio della cittadina costiera, Salvatore Grillo, dall’ex primo cittadino di Ravello, Paolo Imperato, e dall’ex vicesindaco della cittá della musica, Salvatore Di Martino, ha anche designato il consiglio di amministrazione. Del cda, che dovrá decidere le nomine del segretario generale e del direttore di Villa Rufolo, faranno parte, oltre al presidente, il vicecapo gabinetto del governatore Stefano Caldoro, Alberto Di Ferrante, Adriano Bellacosa e il ragioniere capo del comune di Ravello, Michelangiolo Mansi. • «Sono davvero contento – ha dichiarato Bellacosa – di aver presenziato a questo storico avvenimento in cui ho creduto molto». Gaetano de Stefano