Rivolta del couscous in Algeria. Violenti scontri nella capitale per i rincari sui generi alimentari. Foto

0

Scontri tra manifestanti e polizia sono ripresi nel pomeriggio, durante e subito dopo la tradizionale preghiera del venerdì, in diverse località dell’Algeria. Le proteste sono cominciate il 4 gennaio a seguito della decisione governativa di aumentare del 20-30 per cento i prezzi dei prodotti alimentari di largo consumo, come il pane. Forti rincari anche per olio e zucchero. Nella capitale gruppi di giovani e forze di polizia si sono affrontati nel quartiere popolare di Belouizdad. La polizia ha cercato di disperdere i manifestanti con gas lacrimogeni e idranti. Dopo il via alle dimostrazioni, il ministero del commercio ha deciso di abolire la tassa su pane e alimentari, ma il provvedimento non è bastato a riportare la calma.

Scoppiano in Algeria le proteste del couscous (di Vittorio Da Rold)

Arrestato Benhadj, numero due del disciolto Fronte islamico per la salvezza algerino

Nel corso dei tafferugli ad Algeri gruppi di manifestanti, principalmente giovanissimi armati con bastoni, coltelli e pietre, hanno tentato di dirigersi verso la centrale piazza Premier Mai ma sono stati respinti a più riprese dalla polizia. Alta la tensione anche in altri quartieri della capitale, come a Bordj El Kiffan, dove sono stati incendiati alcuni vagoni del tram. A Baraki è stata devastata una fabbrica di televisori che dava lavoro a 300 persone, mentre a Sidi M’Hamed è stato saccheggiato un museo. Si temono nuove violenze durante la notte. Nessun bilancio degli scontri è stato diffuso da fonti ufficiali, mentre la stampa locale parla di decine di feriti in tutto il paese.

Scontri anche a Orano, ad Annaba (l’antica Ippona, vicina al confine con la Tunisia) e nel centro di Tizi Ouzou, capoluogo della Cabilia. Decine di giovani, ha scritto El Watan Online, hanno bloccato il centro della città berbera e eretto barricate con cassonetti e blocchi di cemento. Lo stesso sito web ha scritto in serata che un manifestante è morto durante le proteste a M’sila. La vittima, 18 anni, è stata raggiunta da alcuni colpi d’arma da fuoco. A causa dei violenti tafferugli degli ultimi giorni la Lega Calcio algerina ha deciso di sospendere il campionato. (Al.An.)