Sant´Agnello. Il 6, 7, 8 gennaio sono gli ultimi giorni per visitare il presepe vivente presso i Frati Cappuccini

0

Scene di quotidianità quelle dei pastori che danno vita alla rappresentazione della nascità di Gesù e di ciò che succedeva intorno ad essa, presso la Chiesa dei cappuccini di Sant’Agnello (Sorrento) (Anna Laudati)

Aperto il 26 dicembre il presepe vivente, organizzato dai giovani dello Gifra della chiesa dei  Cappuccini di Sant’Agnello, anche quest’anno ha donato ai suoi visitatori scene in movimento della vita quotidiana che si svolgeva all’epoca della nascita di Nostro Signore Gesù Cristo.

Sono oltre sessanta i volontari coinvolti nella rappresentazione, tra adulti e bambini. Il presepe vivente è stato aperto il 26, 27, il 2 e sarà visitabile domani 6 e ancora venerdì 7 e sabato 8 gennaio.

Incantevole la rappresentazione della natività, dei pastori che lavorano la terra, che pescano nel lago, che sorseggiano il vino e mangiano nella locanda, delle anziane signore che lavorano la maglia, dei panettieri, e di Benino che dorme placidamente sotto un albero. Squisite le zeppole con lo zucchero, che hanno riscosso notevoli consensi, e che tutte le sere vengono fritte in tempo reale e donate ai visitatori.

Questo presepe vivente è  realizzato con amore e con fede, e con la semplicità che contraddistingue da sempre l’ordine dei frati cappuccini di Sant’Agnello.