LA BEFANA VIENE DA RAVELLO, AMALFITANO BENEFATTORE PER VILLA RUFOLO

0

La Befana vien di notte… chi non ricorda questa canzonetta che tutti da bambini ascoltavamo e ci chiedavamo da dove venisse questa Befana? Ebbene, lo abbiamo scoperto in questi giorni… E fra due giorni, proprio per l’Epifania, dopo la riunione del consiglio d’amministrazione della Fondazione Ravello che avverrà domani, lo sapremo forse con maggior certezza.

La Befana vien da Ravello in costiera amalfitana. La Befana ha la barba bianca ed il sorriso sornione di Secondo Amalfitano che, dal di sopra della Città della Musica, si staglia sulla costa d’Amalfi come un benefattore.

Eh sì! Lode al merito per i gemelli Gallucci che hanno creato siti come “riprendiamoci la memoria”, gruppi su Facebook ed altro (indiscutibilmente bravi con i social network e con internet) ma, nonostante appelli ed articoli sulla stampa, gli aderenti sono una trentina (un pò pochini per far clamore come notizia) e sicuramente sono motivati da buone intenzioni e gli altri?

Che dire dei consiglieri “dissidenti”  che hanno fatto cadere il “dittatore” Salvatore Di Martino con Paolo Imperato per sostituirlo con il dimesso (davvero?) Secondo Amalfitano per tutelare la ravellesità con un commissario prefettizio di Salerno e con un Governatore come il ministro Brunetta di cui Amalfitano è consulente?  Insomma ravellesi doc al comando, persone dimesse a decidere il Governo della Città… E’ un tutto dire…

Secondo Amalfitano, con un atto di grande beneficenza e dedizione alla patria (senza chiedere l’autorizzazione, e la copertura finanziaria messa a rischio dai creditori, all’ente proprietario di Villa Rufolo che è la Fondazione di cui non è Presidente e non il Formez… di cui è presidente, per cui così facendo non avrebbe potuto prendersene i meriti) fa comprare dei beni per Villa Rufolo all’asta di Parigi.

Amalfitano ha fatto bene a portare beni artistici a Villa Rufolo (con la collaborazione di un imprenditore di Atrani che puta caso si trovava in quel di Parigi… guarda un pò…) lo dice anche Adriano Bellacosa, ex assessore provinciale con Edmondo Cirielli, ora candidato sindaco a Nocera, e componente della Fondazione a un giorno dal consiglio d’amministrazione e con lui un coro di veri e propri “boatos”.

Cosa buona e giusta, chi potrebbe contestarlo? Riportare beni artistici a casa, chi potrebbe dire che sia una cosa malvagia… il cattivo? E’ il professor Domenico De Masi che guarda un pò si ricorda di essere presidente della Fondazione Ravello e che la stessa ha dei crediti… Che cattivo… E che dire  di Secondo Amalfitano, ex sindaco e capogruppo di opposizione fino a poco fa e tuttora in politica, fa una conferenza stampa a pochi mesi dalle elezioni comunali a Ravello? Che cattivi quelli di Positanonews a ricordarlo… già… Positanonews è una cattiva stampa, brutta e cattiva. Quei cattivi di Positanonews non lo sanno che a Ravello credono alla befana? E che questa befana si chiama Secondo Amalfitano? Ma cosa vogliono? Mica gli verrà in  mente di ricordare che Amalfitano è passato da sinistra a destra e da leader del centrosinistra in costiera amalfitana ora è leader del centro destra e che quelli che lo contestavano ora lo osannano ricambiati?

Per fortuna che nessun giornale lo dice, rimangono soli quei cattivi di Positanonews… Tutti gli altri lo dicono a chiare lettere… A Ravello crediamo alla Befana… Viva Secondo Amalfitano e viva i suoi incarichi… La Befana Amalfitano vien di notte… caccia De Masi e Di Martino e porta presidente Fondazione e sindaco nuovo… E a Ravello sono tutti felici e contenti…

Michele Cinque

direttore@positanonews.it

Lascia una risposta