Sorrento Gli auguri per un migliore anno nuovo 2011, da un Cittadino come Voi.

0

Oramai è prassi consolidata che alla fine dell’anno i politici di tutte le razze, quelli bravi e quelli meno bravi o quelli per nulla bravi, fanno a gara per dare “ai cittadini” i loro Auguri. Questa gente non è paga del fatto che dobbiamo leggerli, spesso con articoli costruiti dai loro “uomini d’immagine a pagamento”, tutto l’anno! Ci vogliono, con il loro finto buonismo, tediare anche l’ultimo dell’anno! Personalmente come cittadino sorrentino, e italiano, per la fine d’anno gradisco seguire “solo” gli Auguri del Presidente della Repubblica Italiana. Gli altri per me sono zero, o sotto zero. Come “cittadino e caratista della mia città” faccio IO gli Auguri. Buon anno a chi stasera festeggerà con spumante e panettone. Buon anno a chi invece starà in casa in famiglia. Buon anno agli ammalati, alle persone sole, a chi è in ospedale e a chi si trova nelle case di riposo. Auguri a tutti i politici, che dovrebbero essere i nostri servitori, perché il 2011 porti loro in regalo un maggiore senso di responsabilità e minori chiacchiere e fatti maggiori. Auguri alla politica nazionale affinché il conflitto diventi finalmente costruttivo e si possa tornare a dialogare con buon senso e senza ricatti. Auguri alle forze dell’ordine, alle tante persone che fanno del volontariato la loro ragione di vita. Buon anno agli amici abruzzesi e a tutti i terremotati che ancora non possiedono una casa in cui abitare. Auguri, e un in bocca al lupo, a chi è stato colpito dalle alluvioni; auguro loro un anno nuovo migliore anche per quanto riguarda il clima e auguro loro affinché non siano abbandonati dalle Istituzioni. Buon anno a tutti i religiosi, laici e sacerdoti perché il Signore dia a tutti la forza di affrontare al meglio le asperità della vita. Buon anno ai malavitosi perché si pentano e smettano di fomentare violenza e crimini vari. Buon anno a tutti i bambini perché crescano nei valori importantissimi della famiglia, della solidarietà, del rispetto. Buon anno agli immigrati, regolari e non, perché il nuovo anno porti anche a loro una vita dignitosa. Buon anno ai poveri, agli oppressi e a tutti i discriminati, perché davvero i diritti siano garantiti anche per loro. Buon anno a tutti gli amici che mi seguono on line e che sono diventati tanti. Auguri ai blogger, agli amici di Facebook, di Twitter e di tutta la rete Internet, perché il web diventi davvero fucina d’idee e non un mezzo per fomentare odio e rancore. Buon anno ai cittadini di Sorrento affinché la crisi e la disoccupazione crescente si trasformi in occupazione, nonostante qualche politico, che non sa cosa dice, ha avuto il coraggio di affermare che a Sorrento “ci sono i soldi – le risorse” per campare ancora bene e per risollevarsi. Mi domando, dove sono i progetti e i programmi? Le risorse economiche ci sono, ma non per tutti! Si ricordi, quel signore, che il Pil di Sorrento è diminuito del 10% nel 2009 e che la disoccupazione è cresciuta a due cifre! Meglio che non approfondisco l’argomento! Buon Natale al Sorrento calcio, alla famiglia Gambardella che ci sta dando importanti soddisfazioni sportive e insegnamenti di vita! Buon anno agli imprenditori locali affinché il 2011 porti un maggior sviluppo per il nostro territorio e per le loro aziende. Buon anno ai Giovani sorrentini che sono utilizzati e abbandonati, auguro loro di avere delle guide migliori e tanto successo. Buon Natale a tutte le persone che ho dimenticato di citare e che sicuramente mi verranno in mente nel momento esatto in cui spegnerò il computer! Ribadisco la mia speranza che il prossimo sia un anno migliore per chiunque, anche per i “nemici” e per i vecchi amici che spesso per strada fanno finta di non vedere; a loro dico: poveri Voi! Ancora auguri a tutti! Per concludere invio tanti Auguri al Sindaco di Sorrento, l’amico Giuseppe Cuomo, che dopo il periodo di luna di miele e di assestamento – ereditato – sono certo che darà inizio a una decisa svolta operativa e di programma. Auguri a tutti i Sindaci della penisola sorrentina, da Meta a Massalubrense, che intelligentemente stanno “parlando fra di loro”. Per finire auguri anche alla mia famiglia e ai miei Amici. Buon 2011.

Gaetano Mastellone