Rifiuti, il governo rimborsa le Province. Raid a Napoli: cassonetti rovesciati

0

NAPOLI (29 dicembre) – Sullo scandalo dei rifiuti interviene il governo. Ed è quasi un diktat quello di Palazzo Chigi alle province: basta con i veti. Pronto un nuovo piano di emergenza che sarà definitivamente messo a punto oggi in un vertice a Roma diretto dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, con la Protezione civile, il ministero dell’Economia e gli enti locali (Regioni, Province, e Comuni). Finanziamenti. Allo studio finanziamenti per le Province che accoglieranno i rifiuti di Napoli. Ieri c’è già stato a Palazzo Chigi un pre-vertice ristretto. Intanto, sono 1400 le tonnellate di spazzatura ancora accumulate lungo le strade di Napoli. E a Capodanno, per prevenire il rischio di roghi provocati dai botti, Vigili del fuoco e uomini della Forestale innaffieranno i cumuli di immondizia. Raid notturno. Un raid compiuto da un gruppo di giovani incappucciati ha provocato disagi per diverse ore al traffico notturno nella zona di via Vespucci, nei pressi dell’ospedale Loreto Mare, in direzione di piazza Municipio a Napoli. Cumuli di spazzatura che da diversi giorni non vengono raccolti sono stati riversati su entrambe le direzioni della carreggiata. Sul posto è intervenuta la polizia municipale che ha provveduto a deviare il traffico. La protesta ha paralizzato la circolazione nella zona tra le 23 e le 2,30. Secondo testimonianze raccolte dalla polizia, ad operare il raid sarebbero stati giovani con il volto coperto provenienti dai vicoli circostanti della zona delle Case Nuove.

Il Mattino di Napoli

scelto da Michele Pappacoda