Psicoterapeuta abusava della paziente «Mi ha molestata», finisce ai domiciliari

0

Arresti domiciliari per lo psicoterapeuta napoletano Luciano Rispoli. Avrebbe abusato di una giovane paziente nel corso delle sedute iniziate due anni fa nel suo studio. La misura è stata disposta dal Tribunale di Napoli su richiesta della Procura. Secondo quanto appurato dai magistrati, il professionista, molto noto a Napoli, avrebbe oltrepassato i limiti dalle tecniche di manipolazione corporea utilizzate nella terapia. «Superare i limiti», tradotto: veri e propri atti di natura sessuale in danno alla ragazza M. R. Questo gli contesta il pm. INDAGINE – L’indagine è sorta in seguito alla denuncia della giovane che ha depositato in Procura un cd contenente la registrazione di un colloquio avuto con il terapeuta. In particolare l’incontro tra la paziente e Rispoli si sarebbe svolto in presenza della madre, psicologa, della ragazza. In quell’occasione allo psicoterapeuta gli sono stati rinfacciati gli abusi sessuali. Accuse alle quali lo psicoterapeuta ha ribattuto con apparente serenità sostenendo che la manipolazione rientrava in pieno nei dettami della cura, finalizzata solo al benessere del cliente. Spetta ai giudici ora stabilire se davvero si è trattato di semplice terapia oppure il limite è stato oltrepassato. In ogni caso, quel colloquio è stato registrato e poi spedito agli inquirenti. Sono in corso ulteriori indagini per accertare se anche altre pazienti hanno subito le medesime manipolazioni da parte dello psicoterapeuta.

Al. Ch. Il Corriere del Mezzogiorno

M.P.

03 dicembre 2010

Lascia una risposta