Sorrento. Calcio scomesse, pusher coinvolto

0

Sorrento. Conversazioni in codice per organizzare tempi e modi di consegna. Su questi elementi poggia la tesi dell’accusa che individuerebbe in Alessandro Gargano, 24enne di San Giuseppe Vesuviano, il perno principale dello spaccio in penisola sorrentina. Coinvolto anche nell’inchiesta “Goal” un intreccio di scommesse e camorra. Sarebbe stato lui a rifornire di droga la movida sorrentina. Gli acquisti avvenivano in tutta la zona del vesuviano. Il giovane comprava hashish a Torre Annunziata e cocaina a Boscoreale. La polvere bianca usciva secondo l’ipotesi dell’accusa dal bar gestito da Giuseppe Aquino, anch’egli finito in carcere all’alba di martedì. Il percorso della droga finiva a Sorrento nelle mani dei clienti abituali o sui tavoli dei più noti locali della fascia costiera. Lì dove spesso e volentieri sedevano anche gli agenti del commissariato di Sorrento che da infiltrati hanno avuto modo di accertare che la sostanza stupefacente era un semplice passatempo.

tratto da Metropolis

scelto da Michele Pappacoda