Rifiuti, Bertolaso: «Emergenza risolta» ma a Giugliano il clima è ancora teso

0

Manifestante si infila sotto uno dei tir diretti alla discarica
Napoli ancora nel caos: 1700 tonnellate di immondizia a terra

NAPOLI  – «L’emergenza rifiuti è superata. Risolta». Queste le parole del capo della protezione civile, Guido Bertolaso, secondo quanto riferito dal SkyTg24. Intanto il clima ancora teso in provincia di Napoli per i rifiuti. Ieri scontri manifestanti-polizia a Giugliano, mentre in migliaia hanno sfilato in piazza a Boscoreale dopo l’accordo sui rifiuti raggiunto a Napoli in un vertice tra il governo e i comuni vesuviani.

Tensione a Giugliano. È di nuovo tensione a Taverna del Re, alla periferia di Giugliano. All’arrivo di una colonna di autocompattatori i manifestanti hanno inscenato una manifestazione di protesta bloccando i camion carichi di spazzatura. Le Forze dell’ordine hanno tentato di fare un cordone a protezione degli automezzi, ma un manifestante si è infilato sotto un camion. Il manifestante che si era infilato sotto uno degli autocompattatori diretti alla discarica di Taverna del Re è poi uscito, permettendo così ai mezzi di riprendere la marcia. L’uomo è uscito dopo aver avuto un colloquio con un funzionario di Polizia che lo ha convinto a recedere dalla sua clamorosa azione di protesta.

Sversamenti a rilento. Gli sversamenti sono iniziati all’alba ma quando è giunta la seconda autocolonna i manifestanti si sono messi davanti ai mezzi bloccando il transito. All’interno del sito stanno giungendo da giorni i mezzi del Comune di Napoli sversando i rifiuti su una piazzola a cielo aperto. All’interno del sito sono già stoccate oltre sei milioni di ecoballe che negli anni scorsi hanno già scatenato la protesta dei residenti della zona perchè fonte di miasmi insopportabili.

Cesaro: a Taverna del Re anche immondizia Giugliano. Il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, ha autorizzato lo sversamento dei rifiuti del comune di Giugliano nel sito di Taverna del Re. Lo si apprende da fonti del Comune di Giugliano.

Bertolaso: situazione si risolverà pian piano. «Penso che adesso pian piano si risolverà tutto, c’è stata una decisione importante, una disposizione del Presidente del Consiglio, tutto quello che è stato richiesto dai cittadini di Terzigno e dalle mamme vulcaniche, ma anche dai Comuni limitrofi, è stato accettato, per cui non ci sarà ragione per continuare a lamentarsi e protestare». Lo ha detto il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, a margine della cerimonia di commemorazione delle vittime del terremoto di S.Giuliano di Puglia, a proposito della questione emergenza rifiuti nel napoletano. «Si farà tutto quello che è stato previsto nel corso dell’incontro dell’altra sera in Prefettura – ha aggiunto – in tempi molto rapidi. Si concluderanno le operazioni di rimozione dei depositi di spazzatura e poi si riprenderà la gestione ordinaria e quotidiana, che è di competenza degli enti locali».

La situazione a Napoli. Napoli scoppia di rifiuti, ma i turisti non la abbandonano, anzi: le 1700 tonnellate di immondizia ancora a terra non scoraggiano coloro che hanno scelto la nostra città per le festività di Ognissanti. Nessuna disdetta da parte di chi aveva prenotato, le presenze negli alberghi appaiono in crescita. Un impulso può averlo dato anche la maxi zona pedonale a San Gregorio Armeno. Una situazione tanto positiva quanto inaspettata che induce gli albergatori ad avvertire: un’altra crisi sarebbe devastante, attrezziamo al meglio la città per il Natale.

Problemi alla discarica di Chiaiano. Disagi, dunque, in particolar modo dopo che la scorsa notte si sono registrati problemi alla discarica di Chiaiano, alla periferia di Napoli, che hanno causato un forte rallentamento nel conferimento e, di conseguenza, oggi nella raccolta dell’immondizia. I camion troppo carichi di rifiuti non sarebbero riusciti a percorrere la strada di accesso del sito: si è riusciti a scaricare a Chiaiano solo 400 tonnellate. I mezzi con altre 500-600 tonnellate, sono in attesa di poter scaricare nell’area di trasferenza di Taverna del Re, a Giugliano (Napoli), dove però ci sono altri problemi legati alle proteste dei cittadini. E così, in un meccanismo dove basta un semplice intoppo e tutto si ferma, rispetto a ieri, quando lungo le strade di Napoli c’erano circa 2000 tonnellate, si è riusciti a recuperare solo 300 tonnellate.

Raccolta straordinaria in città. Secondo quanto conferma l’assessore all’Igiene Urbana del Comune di Napoli, Paolo Giacomelli, stamattina si è attuata una raccolta straordinaria e si cercherà di farlo anche nel pomeriggio, se pur nel rispetto delle esigenze dei lavoratori che da oltre una settimana stanno lavorando in costante straordinario. La notte scorsa, intanto, sono stati circa venticinque gli interventi dei Vigili del Fuoco per cassonetti dati alle fiamme: centro storico, via Foria e Calata Capodichino le aree più colpite.

Alta tensione in provincia. Intanto mentre a Taverna del re e a Terzigno resta alta la tensione per l’opposizione dei residenti alle discariche, sette camion compattatori dell’azienda romana rifiuti affiancano quelli dell’Asìa per la raccolta dell’immondizia in città.

Il Mattino di Napoli

scelto da Michele Pappacoda