Salerno a Fratte piano anti traffico per il caos per le Cotoniere . Martedì incontro con l’ Anas

0

Adesso il bollino rosso si sposta da centro città a Fratte. Ed arrivano correttivi a seguito dell’impatto dell’apertura del Centro commerciale Le Cotoniere. Impatto che ha avuto contraccolpi derivanti dalle code chilometriche di avventori e clienti diretti verso il centro commerciale sul sistema veicolare dell’intera Valle dell’Irno, a cominciare dalla strada provinciale di Pellezzano. Ma disagi hanno investito anche il raccordo Salerno-Avellino, con le uscite di Baronissi e Fratte diventate off limit. E’ stata una invasione. Basti pensare che il centro Le Cotoniere ha calamitato – secondo quanto reso noto dal Comune nella giornata di ieri – ben 43 mila presenze di persone. Impressionante. In pratica verso Fratte si è diretto quasi un terzo della popolazione del capoluogo. Da qui il caos che ha già fatto alzare il vento della polemica politica. «Fratte, di fatto, è divenuto un vero e proprio imbuto, con conseguenti problemi in particolare per i residenti dei rioni collinari della città, prigionieri di un traffico insostenibile», attaccano in una lettera i consiglieri dell’opposizione Roberto Celano e Ciro Russomando. C’è evidentemente una falla nel dispositivo anti caos che ha determinato grossi problemi. Perciò stamattina l’assessore alla mobilità, Domenico De Maio, incontrerà i vigili urbani di Baronissi, oltre ai proprietari del centro Le Cotoniere per studiare correttivi urgenti. I correttivi, due deviazioni. Subito nuova cartellonistica e segnaletica. Secondo quanto riconosciuto dal Comune di Salerno e dai vigili urbani, negli ultimi giorni è mancato un adeguato sistema di informazione per gli automobilisti rimasti intrappolati nel traffico. Già stamattina saranno pianificate le installazioni delle segnaletiche in modo da indirizzare al meglio gli avventori. Ma la priorità è scongiurare che le auto si dirigano tutte nella gabbia del centro di Fratte. Le auto che vengono da Salerno centro devono evitare di intrappolarsi nel centro abitato creando inevitabili disagi per i residenti della zona. Il nuovo dispositivo veicolare che sarà studiato già stamattina con i vigili dei comuni di Salerno, Pellezzano e Baronissi prevede un bypass che riesca a deviare da Salerno il flusso di auto sulla Lungoirno. L’obiettivo è bypassare i flussi di scorrimento da via Pagano. Secondo punto fondamentale della pianificazione veicolare è un altro bypass stradale che consente ai residenti delle zone collinari di Cappelle di deviare direttamente le auto davanti alla isola ecologica di Fratte.

IL MATTINO di Gianluca Sollazzo

 

I rappresentanti del Comune di Salerno incontreranno l’Anas per dare un’accelerata alla creazione del già previsto svincolo del raccordo Salerno-Avellino. Lo rende noto in quotidiano Metropolis secondo cui potrebbe arrivare da questo incontro, in programma martedì, la svolta per l’area di Fratte presa d’assalto dopo l’apertura del centro commerciale Le Cotoniere. Dopo l’incontro presso il comando dei vigili urbani di Salerno convocato per evitare quanto accaduto l’8 dicembre scorso quando l’afflusso di 43.000 visitatori ha paralizzato il traffico nell’intera Valle dell’Irno e sulla tangenziale di Salerno, ci sarebbero allo studio due correttivi urgenti. Nello specifico due deviazioni a cui andrà ad aggiungersi una nuova cartellonistica stradale per fornire un adeguato sistema di informazione agli automobilisti. Il nuovo dispositivo studiato con i vigili dei comuni di Salerno, Pellezzano e Baronissi prevede un bypass che riesca a deviare da Salerno il flusso di auto sulla Lungoirno. L’obiettivo è bypassare i flussi di scorrimento da via Pagano. Secondo punto fondamentale della pianificazione veicolare è un altro bypass stradale che consente ai residenti delle zone collinari di Cappelle di deviare direttamente le auto davanti alla isola ecologica di Fratte.

Adesso il bollino rosso si sposta da centro città a Fratte. Ed arrivano correttivi a seguito dell’impatto dell’apertura del Centro commerciale Le Cotoniere. Impatto che ha avuto contraccolpi derivanti dalle code chilometriche di avventori e clienti diretti verso il centro commerciale sul sistema veicolare dell’intera Valle dell’Irno, a cominciare dalla strada provinciale di Pellezzano. Ma disagi hanno investito anche il raccordo Salerno-Avellino, con le uscite di Baronissi e Fratte diventate off limit. E’ stata una invasione. Basti pensare che il centro Le Cotoniere ha calamitato – secondo quanto reso noto dal Comune nella giornata di ieri – ben 43 mila presenze di persone. Impressionante. In pratica verso Fratte si è diretto quasi un terzo della popolazione del capoluogo. Da qui il caos che ha già fatto alzare il vento della polemica politica. «Fratte, di fatto, è divenuto un vero e proprio imbuto, con conseguenti problemi in particolare per i residenti dei rioni collinari della città, prigionieri di un traffico insostenibile», attaccano in una lettera i consiglieri dell’opposizione Roberto Celano e Ciro Russomando. C’è evidentemente una falla nel dispositivo anti caos che ha determinato grossi problemi. Perciò stamattina l’assessore alla mobilità, Domenico De Maio, incontrerà i vigili urbani di Baronissi, oltre ai proprietari del centro Le Cotoniere per studiare correttivi urgenti. I correttivi, due deviazioni. Subito nuova cartellonistica e segnaletica. Secondo quanto riconosciuto dal Comune di Salerno e dai vigili urbani, negli ultimi giorni è mancato un adeguato sistema di informazione per gli automobilisti rimasti intrappolati nel traffico. Già stamattina saranno pianificate le installazioni delle segnaletiche in modo da indirizzare al meglio gli avventori. Ma la priorità è scongiurare che le auto si dirigano tutte nella gabbia del centro di Fratte. Le auto che vengono da Salerno centro devono evitare di intrappolarsi nel centro abitato creando inevitabili disagi per i residenti della zona. Il nuovo dispositivo veicolare che sarà studiato già stamattina con i vigili dei comuni di Salerno, Pellezzano e Baronissi prevede un bypass che riesca a deviare da Salerno il flusso di auto sulla Lungoirno. L’obiettivo è bypassare i flussi di scorrimento da via Pagano. Secondo punto fondamentale della pianificazione veicolare è un altro bypass stradale che consente ai residenti delle zone collinari di Cappelle di deviare direttamente le auto davanti alla isola ecologica di Fratte.

IL MATTINO di Gianluca Sollazzo

 

I rappresentanti del Comune di Salerno incontreranno l’Anas per dare un’accelerata alla creazione del già previsto svincolo del raccordo Salerno-Avellino. Lo rende noto in quotidiano Metropolis secondo cui potrebbe arrivare da questo incontro, in programma martedì, la svolta per l’area di Fratte presa d’assalto dopo l’apertura del centro commerciale Le Cotoniere. Dopo l’incontro presso il comando dei vigili urbani di Salerno convocato per evitare quanto accaduto l’8 dicembre scorso quando l’afflusso di 43.000 visitatori ha paralizzato il traffico nell’intera Valle dell’Irno e sulla tangenziale di Salerno, ci sarebbero allo studio due correttivi urgenti. Nello specifico due deviazioni a cui andrà ad aggiungersi una nuova cartellonistica stradale per fornire un adeguato sistema di informazione agli automobilisti. Il nuovo dispositivo studiato con i vigili dei comuni di Salerno, Pellezzano e Baronissi prevede un bypass che riesca a deviare da Salerno il flusso di auto sulla Lungoirno. L’obiettivo è bypassare i flussi di scorrimento da via Pagano. Secondo punto fondamentale della pianificazione veicolare è un altro bypass stradale che consente ai residenti delle zone collinari di Cappelle di deviare direttamente le auto davanti alla isola ecologica di Fratte.