Nelle indagini sul sequestro del lombardo Sergio Zanotti spunta l’ombra di un debito da pagare

0

Spunta l’ombra di un debito da pagare nel giallo di Sergio Zanotti, 56enne lombardo che in un video datato 15 novembre, ma arrivato solo l’altro giorno, dice di essere prigioniero in Siria. I rapitori – ma su questo gli 007 sono cauti – dicono di avere in mano altri ostaggi europei e di aver ucciso un norvegese lo scorso anno. Un sequestro anomalo, notano in tanti. Tutte le ipotesi sono ancora aperte e si moltiplicano gli sforzi per scavare nella vita di Sergio Zanotti, personaggio non facile da inquadrare, due matrimoni falliti alle spalle, un periodo agli arresti domiciliari ed una condanna per evasione fiscale. Non si esclude che possa aver accumulato debiti in Italia che aveva intenzione di saldare. «Gli hanno sempre venduto sogni e ci è sempre cascato», ha detto la figlia 21enne Alessia parlando del genitore, il cui cellulare registra l’ultimo accesso di Whatsapp il 5 maggio. Il telefono dell’uomo continua a suonare a vuoto. (Il Mattino) 

Spunta l’ombra di un debito da pagare nel giallo di Sergio Zanotti, 56enne lombardo che in un video datato 15 novembre, ma arrivato solo l’altro giorno, dice di essere prigioniero in Siria. I rapitori – ma su questo gli 007 sono cauti – dicono di avere in mano altri ostaggi europei e di aver ucciso un norvegese lo scorso anno. Un sequestro anomalo, notano in tanti. Tutte le ipotesi sono ancora aperte e si moltiplicano gli sforzi per scavare nella vita di Sergio Zanotti, personaggio non facile da inquadrare, due matrimoni falliti alle spalle, un periodo agli arresti domiciliari ed una condanna per evasione fiscale. Non si esclude che possa aver accumulato debiti in Italia che aveva intenzione di saldare. «Gli hanno sempre venduto sogni e ci è sempre cascato», ha detto la figlia 21enne Alessia parlando del genitore, il cui cellulare registra l’ultimo accesso di Whatsapp il 5 maggio. Il telefono dell’uomo continua a suonare a vuoto. (Il Mattino) 

Lascia una risposta