Il progetto di marketing territoriale “Comuni in comune” sbarca nella provincia di Salerno

0

Il progetto di marketing “Comuni in comune” prosegue la sua opera di promozione nel territorio salernitano. Dopo i contatti coi comuni di Agropoli e Mercato San Severino, sono previsti nelle prossime settimane altri incontri in provincia, con lo scopo di coinvolgere nella rete le realtà comunali maggiormente sensibili alla promozione del proprio territorio.
“Comuni in comune” è un’iniziativa dalla formula semplice, apportatrice di grandi vantaggi: attraverso la reciproca promozione, veicolata tramite affissioni su poster di grande formato, i comuni aderenti ottengono un’ampia visibilità delle proprie attrattive turistiche, a fronte di nessun costo da sostenere. È il meccanismo vincente con cui la Pixhart, società di Roma promotrice del progetto, ha coinvolto finora oltre 100 comuni tra Lazio e Campania, ottenendo ovunque ottimi risultati. Si pensi ad esempio al 13% di presenze turistiche in più registrato in soli 12 mesi in provincia di Avellino, dove il progetto è ancora in fase di promozione, ed in cui finora oltre un terzo dei Comuni interpellati ha firmato l’accordo per l’affiliazione. Molto importante in questo senso, a detta dei sindaci che hanno accolto con favore l’iniziativa, si è dimostrata la volontà di perseguire un incoming turistico proveniente non solo da zone limitrofe, ma soprattutto da realtà geografiche più distanti, favorendo in questo modo l’allargamento dei flussi di visitatori e i conseguenti vantaggi per tutto l’indotto turistico. Un concetto che va in controtendenza rispetto alla classica pianificazione affissionale affrontata da un comune, effettuata saltuariamente e per promuovere solo pochi eventi all’anno, ma soprattutto investendo spesso cifre importanti, specie per i piccoli comuni. Aderendo a “Comuni in comune” non solo si punta dunque ad un target di visitatori più ampio, ma si effettua una promozione continuativa, per di più risparmiando totalmente sui costi.
Non sorprende dunque il trend, riscontrato soprattutto nel Lazio, per cui sono stati i comuni a richiedere l’affiliazione al progetto prima ancora di essere contattati dalla Pixhart, denunciando spesso lo scarso interesse dedicato alla promozione turistica da parte delle istituzioni.
Un’opportunità importante dunque per la provincia di Salerno, che con buona probabilità fornirà un contributo fattivo ad un settore strategico e delicato come quello turistico.Il progetto di marketing “Comuni in comune” prosegue la sua opera di promozione nel territorio salernitano. Dopo i contatti coi comuni di Agropoli e Mercato San Severino, sono previsti nelle prossime settimane altri incontri in provincia, con lo scopo di coinvolgere nella rete le realtà comunali maggiormente sensibili alla promozione del proprio territorio.
“Comuni in comune” è un’iniziativa dalla formula semplice, apportatrice di grandi vantaggi: attraverso la reciproca promozione, veicolata tramite affissioni su poster di grande formato, i comuni aderenti ottengono un’ampia visibilità delle proprie attrattive turistiche, a fronte di nessun costo da sostenere. È il meccanismo vincente con cui la Pixhart, società di Roma promotrice del progetto, ha coinvolto finora oltre 100 comuni tra Lazio e Campania, ottenendo ovunque ottimi risultati. Si pensi ad esempio al 13% di presenze turistiche in più registrato in soli 12 mesi in provincia di Avellino, dove il progetto è ancora in fase di promozione, ed in cui finora oltre un terzo dei Comuni interpellati ha firmato l’accordo per l’affiliazione. Molto importante in questo senso, a detta dei sindaci che hanno accolto con favore l’iniziativa, si è dimostrata la volontà di perseguire un incoming turistico proveniente non solo da zone limitrofe, ma soprattutto da realtà geografiche più distanti, favorendo in questo modo l’allargamento dei flussi di visitatori e i conseguenti vantaggi per tutto l’indotto turistico. Un concetto che va in controtendenza rispetto alla classica pianificazione affissionale affrontata da un comune, effettuata saltuariamente e per promuovere solo pochi eventi all’anno, ma soprattutto investendo spesso cifre importanti, specie per i piccoli comuni. Aderendo a “Comuni in comune” non solo si punta dunque ad un target di visitatori più ampio, ma si effettua una promozione continuativa, per di più risparmiando totalmente sui costi.
Non sorprende dunque il trend, riscontrato soprattutto nel Lazio, per cui sono stati i comuni a richiedere l’affiliazione al progetto prima ancora di essere contattati dalla Pixhart, denunciando spesso lo scarso interesse dedicato alla promozione turistica da parte delle istituzioni.
Un’opportunità importante dunque per la provincia di Salerno, che con buona probabilità fornirà un contributo fattivo ad un settore strategico e delicato come quello turistico.

Lascia una risposta