ALFREDO TOMMASINO MAESTRO CASARO DAL CILENTO A SIDNEY PER FARE LA MOZZARELLA

0

“Gli australiani mi chiamano the buffalo king perché sono affascinati dalla filatura a mano, in Italia sei un casaro , qui un cheesemaker, il latte di bufala che usiamo è di provenienza campana quindi riesco a fare tutto quello che normalmente si fa nella nostra zona”.Il nome del suo caseificio a Sidney è La Stella e non poteva essere altrimenti,una stella cilentana nell’emisfero commerciale australiano con successo e grande clamore. Oggi è responsabile di produzione di mozzarella di bufala,emigra nel 2011 dopo essere stato in Australia un anno torna e poi a maggio scorso ritorna perchè la sua presenza è richiesta vista la grande professionalità e capacità.La sua storia è molto particolare,ce la racconta: “Alla fine delle medie, non volevo più continuare a studiare e siccome mia madre lavorava a ponte Barizzo presso il caseificio La Perla dove il presidente era un agropolese avv. Picilli Erasmo, entrai a lavorare lì e nel giro di pochi anni ho imparato questa arte, abitavo ad Agropoli alla Madonna del Carmine, ora sono separato ma i miei figli Giuseppe e Kevin vivono ancora lì, sono stato in televisione due volte, la prima volta nel programma la vecchia fattoria presentato da Sardella, la seconda quando lavoravo a Latina, dove linea verde è venuto a fare una puntata sulla mozzarella di bufala,poi mi sono trasferito ad Amaseno provincia di Frosinone al caseificio Ponte Di Legno dove ho vinto Tre primi posti con i formaggi di bufala al premio Roma ps e anche li nessuno ne ha parlato, ti ho mandato la foto del mio attestato, perché grazie a quello mi si è aperta la porta dell’Europa e fuori sono stato fuori per lavoro in Bulgaria, Cina,Bielorussia,U.K., lavorando da Harrods dove il titolare era Al Faieed e infine ora sono qui Sydney caseificio La Stella latticini dove il titolare è il signor Claudio Bamonte, nativo di Casalotti di Roccadaspide”.Fare il casaro a Sidney è per Tommasino un punto di arrivo ma anche di partenza,ora ha 44 anni e ha deciso di rimanere:” Restare in questa terra per dare un futuro certo ai miei figli,Sergio qui si sta benissimo,il lavoro non manca, il governo aiuta e si hanno possibilità di tutto Si sicuro al 100%,in Italia verrò in vacanza e a trovare i miei genitori, e amici e spero di portarmi presto i miei figli”.Il maestro Tommasino cilentano doc,la madre di Roccadaspide,il padre di Piaggine e lui trapiantato ad Agropoli ha esportato l’arte in Australia oltre oceano dove sta ottenendo grandi successi.per questa terra non c’è soddisfazione migliore.

Sergio Vessicchio AGROPOLINEWS

“Gli australiani mi chiamano the buffalo king perché sono affascinati dalla filatura a mano, in Italia sei un casaro , qui un cheesemaker, il latte di bufala che usiamo è di provenienza campana quindi riesco a fare tutto quello che normalmente si fa nella nostra zona”.Il nome del suo caseificio a Sidney è La Stella e non poteva essere altrimenti,una stella cilentana nell’emisfero commerciale australiano con successo e grande clamore. Oggi è responsabile di produzione di mozzarella di bufala,emigra nel 2011 dopo essere stato in Australia un anno torna e poi a maggio scorso ritorna perchè la sua presenza è richiesta vista la grande professionalità e capacità.La sua storia è molto particolare,ce la racconta: “Alla fine delle medie, non volevo più continuare a studiare e siccome mia madre lavorava a ponte Barizzo presso il caseificio La Perla dove il presidente era un agropolese avv. Picilli Erasmo, entrai a lavorare lì e nel giro di pochi anni ho imparato questa arte, abitavo ad Agropoli alla Madonna del Carmine, ora sono separato ma i miei figli Giuseppe e Kevin vivono ancora lì, sono stato in televisione due volte, la prima volta nel programma la vecchia fattoria presentato da Sardella, la seconda quando lavoravo a Latina, dove linea verde è venuto a fare una puntata sulla mozzarella di bufala,poi mi sono trasferito ad Amaseno provincia di Frosinone al caseificio Ponte Di Legno dove ho vinto Tre primi posti con i formaggi di bufala al premio Roma ps e anche li nessuno ne ha parlato, ti ho mandato la foto del mio attestato, perché grazie a quello mi si è aperta la porta dell’Europa e fuori sono stato fuori per lavoro in Bulgaria, Cina,Bielorussia,U.K., lavorando da Harrods dove il titolare era Al Faieed e infine ora sono qui Sydney caseificio La Stella latticini dove il titolare è il signor Claudio Bamonte, nativo di Casalotti di Roccadaspide”.Fare il casaro a Sidney è per Tommasino un punto di arrivo ma anche di partenza,ora ha 44 anni e ha deciso di rimanere:” Restare in questa terra per dare un futuro certo ai miei figli,Sergio qui si sta benissimo,il lavoro non manca, il governo aiuta e si hanno possibilità di tutto Si sicuro al 100%,in Italia verrò in vacanza e a trovare i miei genitori, e amici e spero di portarmi presto i miei figli”.Il maestro Tommasino cilentano doc,la madre di Roccadaspide,il padre di Piaggine e lui trapiantato ad Agropoli ha esportato l’arte in Australia oltre oceano dove sta ottenendo grandi successi.per questa terra non c’è soddisfazione migliore.

Sergio Vessicchio AGROPOLINEWS