Vico Equense. Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne

0

Vico Equense. Da ormai 17 anni, per tutto il mondo, il 25 novembre è la Giornata dedicata all’eliminazione di ogni forma di violenza contro le donne. A istituire questa ricorrenza è stata l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel dicembre del 1999, approvando all’unanimità e ufficializzando la proposta fatta da un gruppo di donne attiviste, che nel 1981 si erano riunite a Bogotá in occasione dell’Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi. Ma perché avevano optato proprio per il 25 novembre? Che storia si cela dietro questa data? Si scelse questo giorno per rendere omaggio e ricordare la signora Minerva e le sue due sorelle, Patria e Maria Teresa, le sorelle Mirabal, donne rivoluzionare che si opposero al regime del dittatore della Repubblica Dominicana Rafael Leonidas Trujillo. E per questo vennero assassinate brutalmente il 25 novembre del 1960.

Il Comune di Vico Equense, per l’occasione venerdì prossimo, tramite l’assessore alle pari opportunità e vice sindaco Franco Lombardi, ha organizzato un cartellone ricco programma di eventi. Partirà quindi venerdì alle ore 10,00, con un flashmob in piazza Mercato degli alunni dell’Istituto Comprensivo Costiero “Pascoli-Scarlatti” e l’Istituto Comprensivo Collina “Filippo Caulino”. Alle 17.00 al Bar Zerilli, “Caffè Rosa”, in programma due appuntamenti “Il cambiamento: viaggio di una donna verso…” a cura della psicologa Carmela Vanacore e “Le urla del silenzio”, con l’avvocato Anna Staiano del centro antiviolenza di Vico Equense, con interventi sul tema, in cui si parlerà di prevenzione, progetti e interventi sul territorio. Ultimo evento della giornata è alle 19,30 a Teatro Mio con l’opera teatrale ”La casa di Bernarda Alba” di Gargia Lorca.

Vico Equense. Da ormai 17 anni, per tutto il mondo, il 25 novembre è la Giornata dedicata all’eliminazione di ogni forma di violenza contro le donne. A istituire questa ricorrenza è stata l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel dicembre del 1999, approvando all’unanimità e ufficializzando la proposta fatta da un gruppo di donne attiviste, che nel 1981 si erano riunite a Bogotá in occasione dell’Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi. Ma perché avevano optato proprio per il 25 novembre? Che storia si cela dietro questa data? Si scelse questo giorno per rendere omaggio e ricordare la signora Minerva e le sue due sorelle, Patria e Maria Teresa, le sorelle Mirabal, donne rivoluzionare che si opposero al regime del dittatore della Repubblica Dominicana Rafael Leonidas Trujillo. E per questo vennero assassinate brutalmente il 25 novembre del 1960.

Il Comune di Vico Equense, per l'occasione venerdì prossimo, tramite l'assessore alle pari opportunità e vice sindaco Franco Lombardi, ha organizzato un cartellone ricco programma di eventi. Partirà quindi venerdì alle ore 10,00, con un flashmob in piazza Mercato degli alunni dell’Istituto Comprensivo Costiero "Pascoli-Scarlatti" e l'Istituto Comprensivo Collina "Filippo Caulino". Alle 17.00 al Bar Zerilli, “Caffè Rosa”, in programma due appuntamenti “Il cambiamento: viaggio di una donna verso…” a cura della psicologa Carmela Vanacore e “Le urla del silenzio”, con l’avvocato Anna Staiano del centro antiviolenza di Vico Equense, con interventi sul tema, in cui si parlerà di prevenzione, progetti e interventi sul territorio. Ultimo evento della giornata è alle 19,30 a Teatro Mio con l’opera teatrale ”La casa di Bernarda Alba" di Gargia Lorca.