Far West in banca ,commando spara : un morto e due feriti

0

 Assalto sanguinario all’interno di una filiale dell’Unicredit: un morto e due feriti il bilancio della sparatoria tra guardie giurate e malviventi a Casoria. L’agguato era rivolto a un blindato portavalori,ma poi si è consumato all’interno dell’istituto di credito. Ancora frammentaria la ricostruzione. Secondo gli investigatori ,intorno alle 10.30 un commando di 5- 6 banditi armati di kalashnikov aveva seguito un blindato portavalori che prelevava contante dalla filiale Unicredit di via Guglielmo Marconi. I malviventi sono così entrati in banca ,mitra in pugno a seguito delle guardie giurate.

I vigilantes hanno reagito al criminale blitz,ma i banditi hanno sparato a fuoco uccidendo una delle guardie giurate, Gerardo Citarella e ferendo un secondo vigilantes,Giuseppe Lotta e un cliente che era in coda allo sportello, Antonio  Caputo. Il terzo vigilantes si è rifiugiato nella vicina caserma dei carabinieri. Mentre gli aggressori si allontanavano a bordo di un’auto e un furgoncino con una borsa piena di denaro è scattato l’allarme. Ad indagare sull’episodio criminoso sono i carabinieri della compagnia di Casoria. I due uomini feriti sono stati trasportati all’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. Caputo ha riportato lievi lesioni ad un arto inferiore ,la guardia giurata è stato invece ricoverato in rianimazione.  Ha riportato lo spoppolamento della gamba destra, e diversi fori di entrata e uscita alla regione destra della gabbia toracica, con un probabile coinvolgimento dell’apice polmonare.  Ha inoltre una lesione ad una vertebra lombare per cui i medici effettueranno un ulteriore tac per avere riscontri più precisi. Ma non è comunque in pericolo di vita ma le sue condizioni sono considerate gravi. Il cliente in fila allo sportello è riuscito a rifugiarsi nella toilette dopo essere stato ferito alla gamba e ha poi raccontato che i rapinatori sono entrati a volto scoperto. Dal bagno è uscito solo quando ha sentito che le urla si sono placate e ha capito che i delinquenti erano fuggiti via.

 

Valeria Civale