Furto in un tabacchino a Cava de’ Tirreni

0

 Ancora un furto in un tabacchino. Identica la tecnica, usata dai ladri, che hanno messo a segno ben quattro colpi in altrettanti negozi di frutta e verdura. A finire nella rete dei malviventi è stato il Sale e Tabacchi della frazione San Lorenzo, proprio a pochi passi dall’istituto comprensivo Carducci-Trezza. Secondo le prime ricostruzioni i ladri hanno agito all’alba e come per i colpi ai fruttivendoli sono riusciti a forzare la saracinesca ed entrare così nel magazzino. Una volta all’interno del negozio hanno portato via soldi, valori bollati, profumi ed altra merce in vendita per un bottino che non è stato ancora quantificato. Si tratta dell’ultimo di una lunga serie di furti, messi a segno in città in queste ultime settimane tanto da far scattare l’allarme sicurezza, specie tra i commercianti di Corso Mazzini e del centro. Con la rapina al tabacchino di via Giordano ed il furto a quello di San Lorenzo l’allarme si va diffondendo anche in periferia. Nella giornata di martedì è stato messo a segno il furto in una villa di località Croce. Stando a quanto riferito dalle forze dell’ordine non si tratterebbe della stessa mano criminale. Con ogni probabilità i furti ai negozi sarebbero opera di una banda di specialisti. I cittadini attendono risposte, specie per il potenziamento degli organici delle forze di polizia che significherebbe una maggiore presenza di uomini in strada e piu controlli. Nei giorni scorsi il presidente della Confesercenti Aldo Trezza ha invitato il sindaco Vincenzo Servalli a chiedere un incontro al Prefetto per sottoporgli la questione organici delle forze dell’ordine.

Simona Chiariello Cava de’ Tirreni.

 Ancora un furto in un tabacchino. Identica la tecnica, usata dai ladri, che hanno messo a segno ben quattro colpi in altrettanti negozi di frutta e verdura. A finire nella rete dei malviventi è stato il Sale e Tabacchi della frazione San Lorenzo, proprio a pochi passi dall'istituto comprensivo Carducci-Trezza. Secondo le prime ricostruzioni i ladri hanno agito all'alba e come per i colpi ai fruttivendoli sono riusciti a forzare la saracinesca ed entrare così nel magazzino. Una volta all'interno del negozio hanno portato via soldi, valori bollati, profumi ed altra merce in vendita per un bottino che non è stato ancora quantificato. Si tratta dell'ultimo di una lunga serie di furti, messi a segno in città in queste ultime settimane tanto da far scattare l'allarme sicurezza, specie tra i commercianti di Corso Mazzini e del centro. Con la rapina al tabacchino di via Giordano ed il furto a quello di San Lorenzo l'allarme si va diffondendo anche in periferia. Nella giornata di martedì è stato messo a segno il furto in una villa di località Croce. Stando a quanto riferito dalle forze dell'ordine non si tratterebbe della stessa mano criminale. Con ogni probabilità i furti ai negozi sarebbero opera di una banda di specialisti. I cittadini attendono risposte, specie per il potenziamento degli organici delle forze di polizia che significherebbe una maggiore presenza di uomini in strada e piu controlli. Nei giorni scorsi il presidente della Confesercenti Aldo Trezza ha invitato il sindaco Vincenzo Servalli a chiedere un incontro al Prefetto per sottoporgli la questione organici delle forze dell'ordine.

Simona Chiariello Cava de' Tirreni.

Lascia una risposta