Lavoratori stagionali, giornata di protesta a Roma presso il Ministero del Lavoro.

0

inserito da Salvatore Caccaviello

Roma –  Ennesima giornata di protesta a Roma dei lavoratori stagionali, che ha visto i rappresentanti di Puglia e Campania guidare la mobilitazione  contro il tagli delle indennità di disoccupazione. Folta la rappresentanza degli stagionali della Penisola Sorrentina, di Capri e della Costiera Amalfitana guidati da Rosario Fiorentino che a fine giornata  ha commentato: “Dalle ore 10,00  presidio del Ministero del Lavoro in via Vittorio Veneto. Incontro tecnico al Ministero per trovare una soluzione. Dopo due mesi di incontri sui territori il sindacalismo di base si sposta a Roma e con esso l’associazione degli stagionali .Al ministero si è cercato di spiegare le ragioni di tanta protesta e della non rassegnazione al taglio del 50 per cento della Naspi. Istituire un tavolo tecnico per monitorare la situazione e il dramma sociale delle famiglie coinvolte . Dopo l’auspicio di estendere a tutti il quarto mese di disoccupazione, il confronto si dovrà spostare in Regione per finalizzare i corsi di aggiornamento professionale con fondi pubblici e degli Enti bilaterali per raggiungere il quinto mese e migliorare la qualità delle prestazioni dei dipendenti ed elevare i livelli di qualità dell’offerta turistica.La giornata si è conclusa con un impegno nel continuare”.  14 novembre 2016

inserito da Salvatore Caccaviello

Roma –  Ennesima giornata di protesta a Roma dei lavoratori stagionali, che ha visto i rappresentanti di Puglia e Campania guidare la mobilitazione  contro il tagli delle indennità di disoccupazione. Folta la rappresentanza degli stagionali della Penisola Sorrentina, di Capri e della Costiera Amalfitana guidati da Rosario Fiorentino che a fine giornata  ha commentato: “Dalle ore 10,00  presidio del Ministero del Lavoro in via Vittorio Veneto. Incontro tecnico al Ministero per trovare una soluzione. Dopo due mesi di incontri sui territori il sindacalismo di base si sposta a Roma e con esso l'associazione degli stagionali .Al ministero si è cercato di spiegare le ragioni di tanta protesta e della non rassegnazione al taglio del 50 per cento della Naspi. Istituire un tavolo tecnico per monitorare la situazione e il dramma sociale delle famiglie coinvolte . Dopo l'auspicio di estendere a tutti il quarto mese di disoccupazione, il confronto si dovrà spostare in Regione per finalizzare i corsi di aggiornamento professionale con fondi pubblici e degli Enti bilaterali per raggiungere il quinto mese e migliorare la qualità delle prestazioni dei dipendenti ed elevare i livelli di qualità dell'offerta turistica.La giornata si è conclusa con un impegno nel continuare”.  14 novembre 2016

Lascia una risposta