Costiera Amalfitana, coniugi Ragosta assolti dall’accusa di evasione: l’Hotel Raito e l’Hotel Paradiso dissequestrati

0

Vietri sul mare , Costiera amalfitana E’ notizia di poche ore fa che i coniugi Ragosta, Fedele e la moglie Anna Maria Iovino, sono stati assolti dal Gip del Tribunale di Napoli dall’accusa di evasione di accise, Iva e redditi per alcuni milioni di euro. Secondo il Tribunale di Napoli, infatti, il fatto non sussiste. 

Il caos era scoppiato nel 2011, quando gli investigatori della Guardia di Finanza scoprirono un’evasione di alcuni milioni di euro della ditta “Ragosta Real Estate srl”, riconducibile proprio ai due coniugi, e posero sotto sequestro preventivo quote immobiliari per un valore di circa 15,5 milioni di euro (precedentemente lo stesso provvedimento fu adottato per quote del valore di 20,6 milioni di euro). Le Fiamme Gialle accertarono che i profitti della presunta evasione vennero immessi nelle società immobiliari della famiglia per acquistare alberghi e immobili lussuosi sul territorio italiano (la società, infatti, è proprietaria di alberghi di prestigio a Roma, a Messina e in Costiera Amalfitana). 

E’ di poche ore fa, invece, la sentenza di assoluzione da parte del Tribunale di Napoli. Di conseguenza, verrà disposto il dissequestro dei beni immobili confiscati preventivamente, e l’Hotel Raito e l’Hotel Paradiso di Vietri Sul Mare torneranno nelle mani dei Ragosta. 

 

Vietri sul mare , Costiera amalfitana E' notizia di poche ore fa che i coniugi Ragosta, Fedele e la moglie Anna Maria Iovino, sono stati assolti dal Gip del Tribunale di Napoli dall'accusa di evasione di accise, Iva e redditi per alcuni milioni di euro. Secondo il Tribunale di Napoli, infatti, il fatto non sussiste. 

Il caos era scoppiato nel 2011, quando gli investigatori della Guardia di Finanza scoprirono un'evasione di alcuni milioni di euro della ditta "Ragosta Real Estate srl", riconducibile proprio ai due coniugi, e posero sotto sequestro preventivo quote immobiliari per un valore di circa 15,5 milioni di euro (precedentemente lo stesso provvedimento fu adottato per quote del valore di 20,6 milioni di euro). Le Fiamme Gialle accertarono che i profitti della presunta evasione vennero immessi nelle società immobiliari della famiglia per acquistare alberghi e immobili lussuosi sul territorio italiano (la società, infatti, è proprietaria di alberghi di prestigio a Roma, a Messina e in Costiera Amalfitana). 

E' di poche ore fa, invece, la sentenza di assoluzione da parte del Tribunale di Napoli. Di conseguenza, verrà disposto il dissequestro dei beni immobili confiscati preventivamente, e l'Hotel Raito e l'Hotel Paradiso di Vietri Sul Mare torneranno nelle mani dei Ragosta.