Vico Equense – Teatro mio, rassegna ´Dal romanzo alla pellicola´

0

Per chi pensava che i giovani di oggi, gli adolescenti in particolar modo, fossero attratti solo dai luccichii di una tv delle favole e dal successo facile, ecco la migliore delle smentite. Un gruppo di adolescenti di Vico Equense e Castellammare di Stabia ha creduto alla realizzazione di un’idea, la loro idea, che è quella di non starsene con le mani in mano ma di agire e interagire, di confrontarsi, di fare, insomma, facendo… “arte”. Nasce cosi “Associa Giovani”, così si raccontano sulla pagina di faceboock, e c’è da crederci perché la loro prima iniziativa è un cineforum intitolato “Dal romanzo alla pellicola”, con cinque titoli bellissimi e significativi che sottintendono “cultura”. La cultura come “fare” intelligente, lento, riflessivo e lontanissimo dal fare pragmatico, sinonimo per i grandi solo di efficienza e produttività, che oggi nel nostro paese va tanto di moda. Secondo questi teenagers leggere un buon libro o guardare un bel film specchiandosi nella bellezza delle parole o delle immagini è senza dubbio di gran lunga preferibile. D’altra parte la loro giovanissima età gli consente di dare spazio all’ immaginazione, al sogno, agli ideali. Per sfidare il futuro quale strada migliore avrebbero potuto intraprendere se non quella di guardare all’arte?
La rassegna cinematografica a Vico Equense si svolge nei locali di Teatro mio e finora è andata molto bene. Partita con la preoccupazione di essere poco percepita e partecipata dai ragazzi a cui si rivolge, è invece diventata un successo. La sala di Teatro Mio, nonostante le inquietudini del tempo e i disastri del traffico da “tunnel chiuso” si è riempita abbastanza da far crescere l’entusiasmo e la voglia di continuare.
In programmazione cinque titoli di lusso. Dopo “V per Vendetta” e “Fight club”, si continua tra ottobre e novembre con “Persepolis”, “Trainspotting”, “Shining”, tratti dai romanzi omonimi e magnificamente recensiti da Daniele Lancieri, Rosa Maria Dilengite, Francesco Maria Villani e Marco Maliardo sul loro foglio “L’alto-Parlante”.

Prossime date presso Teatro Mio: 28 ottobre, 3 e 11 novembre 

Il prezzo del biglietto è molto popolare, 2 € …+ un neurone in omaggio. E non dicono bugie!
Maria D’Ordia