Italia Under 21 domani in campo contro l’Inghilterra a Southampton

0

 
Grandi manovre a centrocampo. L’Italia Under 21 assume una nuova fisionomia in mediana per le amichevoli con Inghilterra (domani sera a Southampton) e Danimarca (lunedì a Bergamo), le altre due nazionali dalla difesa di ferro (come gli azzurrini hanno subito solo 3 gol durante le qualificazioni alla fase finale dell’Europeo di categoria). Cataldi e Gagliardini sono con Ventura e il ct Di Biagio ha rivoluto con sé Capezzi (Crotone) e Cristante (Pescara). Quest’ultimo, già membro di questa squadra, porta in dote nella comitiva 6 presenze in Champions, collezionate tra Milan e Benfica ai tempi in cui era già indicato come uno dei migliori prospetti italiani. E’ l’unico in gruppo con tale esperienza alle spalle: «Sono felice di essere di nuovo qui – racconta Cristante – per me l’Under 21 è motivo di orgoglio. Devo dire grazie al Pescara e a al tecnico Oddo che mi sta dando grande fiducia. Ora spero di continuare così e di ottenre la convocazione per la Polonia». Cristante fa parte della scuderia di Giuseppe Riso, agente anche degli stessi Capezzi e Gagliardini. Nonché di Sensi, giovane regista di proprietà del Sassuolo, fuori dall’Under solo perché infortunato. «Questi ragazzi – dice Riso – sono tutti del ‘94 o del ‘95 ma sembrano già grandi per come usano la testa. Tutti ottimi centrocampisti? Sì, ma tra gli azzurrini che seguo ci sono anche bravi difensori e attaccanti, come gli atalantini Caldara e Petagna». Già, altri due pilastri della squadra di Di Biagio. 
 
SORTEGGIO. In attesa degli spareggi che decreteranno le ultime due qualificate per giugno (Serbia-Norvegia e Austria-Spagna i doppi spareggi tra venerdì e martedì) il primo dicembre a Cracovia (l’Europeo si giocherà in Polonia) saranno sorteggiati i tre giorni da 4 squadre. «Siamo pronti – racconta Pellegrini del Sassuolo, altro centrocampista tra quelli in rampa – e questi due test si presentano avvincenti e utilissimi. Ci aiuteranno a crescere. Il nostro obiettivo per l’Europeo? Arrivare in fondo, magari… vincere». E con un centrocampo così sognare si può. 
 

fonte:corrieredellosport

 
Grandi manovre a centrocampo. L’Italia Under 21 assume una nuova fisionomia in mediana per le amichevoli con Inghilterra (domani sera a Southampton) e Danimarca (lunedì a Bergamo), le altre due nazionali dalla difesa di ferro (come gli azzurrini hanno subito solo 3 gol durante le qualificazioni alla fase finale dell’Europeo di categoria). Cataldi e Gagliardini sono con Ventura e il ct Di Biagio ha rivoluto con sé Capezzi (Crotone) e Cristante (Pescara). Quest’ultimo, già membro di questa squadra, porta in dote nella comitiva 6 presenze in Champions, collezionate tra Milan e Benfica ai tempi in cui era già indicato come uno dei migliori prospetti italiani. E’ l’unico in gruppo con tale esperienza alle spalle: «Sono felice di essere di nuovo qui – racconta Cristante – per me l’Under 21 è motivo di orgoglio. Devo dire grazie al Pescara e a al tecnico Oddo che mi sta dando grande fiducia. Ora spero di continuare così e di ottenre la convocazione per la Polonia». Cristante fa parte della scuderia di Giuseppe Riso, agente anche degli stessi Capezzi e Gagliardini. Nonché di Sensi, giovane regista di proprietà del Sassuolo, fuori dall’Under solo perché infortunato. «Questi ragazzi – dice Riso – sono tutti del ‘94 o del ‘95 ma sembrano già grandi per come usano la testa. Tutti ottimi centrocampisti? Sì, ma tra gli azzurrini che seguo ci sono anche bravi difensori e attaccanti, come gli atalantini Caldara e Petagna». Già, altri due pilastri della squadra di Di Biagio. 
 
SORTEGGIO. In attesa degli spareggi che decreteranno le ultime due qualificate per giugno (Serbia-Norvegia e Austria-Spagna i doppi spareggi tra venerdì e martedì) il primo dicembre a Cracovia (l’Europeo si giocherà in Polonia) saranno sorteggiati i tre giorni da 4 squadre. «Siamo pronti – racconta Pellegrini del Sassuolo, altro centrocampista tra quelli in rampa – e questi due test si presentano avvincenti e utilissimi. Ci aiuteranno a crescere. Il nostro obiettivo per l’Europeo? Arrivare in fondo, magari… vincere». E con un centrocampo così sognare si può. 
 

fonte:corrieredellosport