Cava de Tirreni: Pugno duro del Comune contro gestori "zozzoni"

0

L’assessore alle Attività Produttive del Comune di Cava, Mario Pannullo, ammonisce i gestori degli esercizi commerciali di Corso Umberto I, quelli per cui è previsto il consumo sul posto di alimenti e bevande al di fuori di apposite aree attrezzate, ad ottemperare agli obblighi imposti dall’ordinanza sindacale n. 267, del 28 luglio 2009.

“I gestori di tali esercizi sono tenuti – recita l’ordinanza – entro un’ora dalla chiusura dei medesimi, ad asportare i residui di consumazioni dal suolo pubblico nel raggio di venti metri dalla soglia o dal perimetro delle pertinenze, nonché a ricoverare i contenitori per la raccolta all’interno dell’esercizio”.

“Ho ricevuto moltissime lamentele – ha dichiarato l’assessore Pannullo – da parte non solo di cittadini cavesi ma anche di turisti che, mentre da un lato elogiavano il patrimonio artistico e culturale della nostra città, dall’altro segnalavano la mancanza di pulizia nei pressi di alcuni locali pubblici lungo il ‘salotto buono’ di Cava”.

L’Amministrazione comunale ha deciso, infatti, di adottare la linea dell’intransigenza nei confronti degli esercizi commerciali che non si confacciano ai precetti della citata ordinanza, danneggiando l’immagine di Cava. “Disporrò, di concerto con il collega Alfonso Laudato – ha specificato Mario Pannullo – un forte aumento dei controlli e del numero degli agenti di polizia locale chiamati ad effettuarli”.

Salerno in Prima

scelto da Michele Pappacoda