Roma, solo 0-0 a Parma-Totti e Vucinic sostituiti

0

I giallorossi strappano un punto al Tardini dimostrando grinta ma idee confuse. Ranieri comincia con il tridente ma nella ripresa leva il capitano e il montenegrino per Simplicio e Julio Baptista. Borriello, Mexes e Julio Baptista vicini al gol. Per i padroni di casa grande chance nel primo tempo per Marques che davanti a Lobont calcia incredibilmente alto. Con questo pari la Roma sale a nove punti, Parma fermo a sette

La Roma pareggia 0-0 a Parma nell’anticipo domenicale dell’ottava giornata. I giallorossi salgono a quota nove punti in classifica, i ducali lasciano l’ultimo posto agganciando Cagliari, Bologna e Udinese a sette.

LA PARTITA – La Roma si presenta in campo con Vucinic esterno sulla sinistra a supporto di Totti e Borriello. I giallorossi partono bene, dimostrando grinta e determinazione. Il Parma si difende con ordine e prova a ripartire in contropiede sfruttando la velocità di Marques. C’è grande dinamismo ma le idee risultano confuse. Borriello si muove su tutto il fronte d’attacco creando più di qualche grattacapo alla difesa emiliana che al 29′ rischia di capitolare davanti ad una splendida girata dell’attaccante giallorosso a lato di pochissimo. Il Parma reagisce e alla mezz’ora spreca una chance colossale con Marques che in beata solitudine a due passi da Lobont colpisce altissima una palla che chiedeva solo di essere spinta in fondo al sacco. La difesa della Roma tiene bene gli sterili affondi del Parma, grazie anche alla buona giornata di Mexes e Juan. 

TOTTI E VUCINIC FUORI – Proprio Mexes ad inizio ripresa va vicino ad un eurogol con una girata in semi-rovesciata che va a lato di un palmo alla destra di un immobile Mirante. La novità più evidente della ripresa è l’esclusione di Totti, sostituito da Simplicio e il cambio, dopo sei minuti, di Vunicic che lascia il campo per far posto a Julio Baptista.

ROMA, TANTA CONFUSIONE – La Roma spinge con una certa insistenza e prova a costruire palle gol con alterne fortune. Al 21′ st è Cassetti a mettere in area un cross teso sul quale Borriello non arriva in scivolata per una questione di centimetri. Al 27′ st Ranieri prova ad inserire Okaka per Cicinho. Proprio il giovane attaccante giallorosso si dispera per l’egoismo di Julio Baptista che in contropiede e in superiorità numerica non gli passa un pallone che lo avrebbe messo a tu per tu con il portiere avversario. Alla fine finisce 0-0 tra i fischi del pubblico presente al Tardini

fonte:corrieredellosport

scelto da michele de lucia

visita il mio blog

http://calcionapoli.positanonews.it/

Lascia una risposta