SALERNITANA SCATTA IL TURNOVER PER ASCOLI

0

Eugenio Marotta Sannino vara il turnover. Stesso modulo, diversi gli interpreti. Domani sera, nella trasferta di Ascoli, i granata scenderanno in campo con lo stesso spartito tattico andato in scena negli ultimi tempi. Ma con uomini diversi. Un po’ sulla falsariga di quanto accaduto a Cesena nel primo turno infrasettimanale del campionato cadetto, tanto per intenderci. Al Del Duca, la Salernitana non cambierà pelle, ma soltanto alcune pedine del suo scacchiere. In quasi tutti i reparti del campo. Un po’ per esigenza, un po’ per scelta, un po’ per opportunità il trainer granata sembra orientato a concedere un po’ di riposo a chi ha tirato la carretta fino ad oggi. I principali indiziati al turnover sono Rosina, Vitale, Perico e forse Della Rocca. Al loro posto Caccavallo, Zito, Tuia e probabilmente Ronaldo. Uno per reparto, ma forse anche qualcosina in più, considerando che anche Donnarumma potrebbe accomodarsi nuovamente in panchina. In questo caso, però, ancora una volta per questione di equilibri. Ma andiamo con ordine. Le principali indicazioni ad un possibile turnover le aveva date lo stesso tecnico sabato pomeriggio subito dopo il pareggio con l’Entella all’Arechi. Il campo, del resto, aveva detto lo stesso già da qualche tempo. Rosina è palesemente in affanno (10 partite su dieci da titolare senza mai una sostituzione per l’ex Zenit) ed i continui cambi di ruolo non lo hanno certo agevolato. Copia-incolla per quanto riguarda Vitale che proprio contro l’Entella ha giocato la sua partita peggiore da quando è in granata. Anche Perico potrebbe rifiatare, considerando che l’ex Cesena non ha fatto la preparazione atletica e la carta d’identità non gioca certo a suo favore. Proprio al Manuzzi, il difensore fu costretto ad alzare bandiera bianca con tanto di stop di due settimane per via di un affaticamento muscolare. Sannino non vuole correre lo stesso rischio ed ha già le idee abbastanza chiare sul corposo cambio di forze nell’undici base. Il tecnico di Ottaviano recupera Busellato che ha scontato il turno di squalifica e che riprenderà il suo posto in mediana. Occhio alle condizioni di Odjer che sabato scorso ha chiesto il cambio per via di una fitta al gluteo. Ieri, il tecnico ha riproposto Ronaldo in cabina di regia al posto di Della Rocca. L’allenatore, però, non ha molto tempo per decidere. Ascoli è già dietro l’angolo ed oggi è già tempo di rifinitura. Quasi certamente comunque, la Salernitana si presenterà al Del Duca senza uno dei suoi tre tenori. Anzi. Probabilmente con il solo Coda terminale offensivo con Caccavallo pronto a girargli intorno. L’ex Paganese sabato scorso, subentrato a Donnarumma, ha avuto un ottimo impatto al match. Proprio come seconda punta atipica: suo l’assist per il tap-in vincente di Coda che è valso il gol del pareggio e sue alcune delle azioni più pericolose della ripresa. A conti fatti, insomma, la Salernitana potrebbe schierare Terracciano tra i pali con Tuia, Bernardini e Luiz Felipe in difesa. A centrocampo, invece, Improta potrebbe fare il tour de force sulla destra con Zito che tornerebbe dal primo minuto sulla fascia opposta. Nel centrocampo a tre, Ronaldo si candida per una maglia da titolare proprio come capitò a Cesena. Busellato è certo di un posto nell’undici base, mentre per l’altra casella molto dipenderà dalle condizioni di Odjer. Nel caso in cui il motorino ghanese dovesse dare forfait anche Della Rocca potrebbe fare gli straordinari. In attacco, invece, Massimo Coda sembra certo di un posto nella formazione titolare. Al suo fianco uno tra Caccavallo (favorito) e Donnarumma. L’ex Teramo è apparso abbastanza sereno quando è stato richiamato in panchina a inizio ripresa contro l’Entella ed anche ieri si è allenato senza battere ciglio. Oggi sarà già tempo di scelte definitive. È prevista per stamani (ore 10.30), infatti, la seduta di rifinitura al Mary Rosy, subito dopo pranzo la partenza alla volta di Ascoli.

Eugenio Marotta Sannino vara il turnover. Stesso modulo, diversi gli interpreti. Domani sera, nella trasferta di Ascoli, i granata scenderanno in campo con lo stesso spartito tattico andato in scena negli ultimi tempi. Ma con uomini diversi. Un po' sulla falsariga di quanto accaduto a Cesena nel primo turno infrasettimanale del campionato cadetto, tanto per intenderci. Al Del Duca, la Salernitana non cambierà pelle, ma soltanto alcune pedine del suo scacchiere. In quasi tutti i reparti del campo. Un po' per esigenza, un po' per scelta, un po' per opportunità il trainer granata sembra orientato a concedere un po' di riposo a chi ha tirato la carretta fino ad oggi. I principali indiziati al turnover sono Rosina, Vitale, Perico e forse Della Rocca. Al loro posto Caccavallo, Zito, Tuia e probabilmente Ronaldo. Uno per reparto, ma forse anche qualcosina in più, considerando che anche Donnarumma potrebbe accomodarsi nuovamente in panchina. In questo caso, però, ancora una volta per questione di equilibri. Ma andiamo con ordine. Le principali indicazioni ad un possibile turnover le aveva date lo stesso tecnico sabato pomeriggio subito dopo il pareggio con l'Entella all'Arechi. Il campo, del resto, aveva detto lo stesso già da qualche tempo. Rosina è palesemente in affanno (10 partite su dieci da titolare senza mai una sostituzione per l'ex Zenit) ed i continui cambi di ruolo non lo hanno certo agevolato. Copia-incolla per quanto riguarda Vitale che proprio contro l'Entella ha giocato la sua partita peggiore da quando è in granata. Anche Perico potrebbe rifiatare, considerando che l'ex Cesena non ha fatto la preparazione atletica e la carta d'identità non gioca certo a suo favore. Proprio al Manuzzi, il difensore fu costretto ad alzare bandiera bianca con tanto di stop di due settimane per via di un affaticamento muscolare. Sannino non vuole correre lo stesso rischio ed ha già le idee abbastanza chiare sul corposo cambio di forze nell'undici base. Il tecnico di Ottaviano recupera Busellato che ha scontato il turno di squalifica e che riprenderà il suo posto in mediana. Occhio alle condizioni di Odjer che sabato scorso ha chiesto il cambio per via di una fitta al gluteo. Ieri, il tecnico ha riproposto Ronaldo in cabina di regia al posto di Della Rocca. L'allenatore, però, non ha molto tempo per decidere. Ascoli è già dietro l'angolo ed oggi è già tempo di rifinitura. Quasi certamente comunque, la Salernitana si presenterà al Del Duca senza uno dei suoi tre tenori. Anzi. Probabilmente con il solo Coda terminale offensivo con Caccavallo pronto a girargli intorno. L'ex Paganese sabato scorso, subentrato a Donnarumma, ha avuto un ottimo impatto al match. Proprio come seconda punta atipica: suo l'assist per il tap-in vincente di Coda che è valso il gol del pareggio e sue alcune delle azioni più pericolose della ripresa. A conti fatti, insomma, la Salernitana potrebbe schierare Terracciano tra i pali con Tuia, Bernardini e Luiz Felipe in difesa. A centrocampo, invece, Improta potrebbe fare il tour de force sulla destra con Zito che tornerebbe dal primo minuto sulla fascia opposta. Nel centrocampo a tre, Ronaldo si candida per una maglia da titolare proprio come capitò a Cesena. Busellato è certo di un posto nell'undici base, mentre per l'altra casella molto dipenderà dalle condizioni di Odjer. Nel caso in cui il motorino ghanese dovesse dare forfait anche Della Rocca potrebbe fare gli straordinari. In attacco, invece, Massimo Coda sembra certo di un posto nella formazione titolare. Al suo fianco uno tra Caccavallo (favorito) e Donnarumma. L'ex Teramo è apparso abbastanza sereno quando è stato richiamato in panchina a inizio ripresa contro l'Entella ed anche ieri si è allenato senza battere ciglio. Oggi sarà già tempo di scelte definitive. È prevista per stamani (ore 10.30), infatti, la seduta di rifinitura al Mary Rosy, subito dopo pranzo la partenza alla volta di Ascoli.