Per il match del Napoli con la Juve, che si giocherà il 29 ottobre, stop ai tifosi della Campania

0

La prima di Higuain contro il Napoli sarà senza tifosi azzurri. È la decisione resa nota ieri dal prefetto di Torino, Renato Saccone, dopo la riunione tenutasi con il Casms (Comitato analisi sicurezza delle manifestazioni sportive). Juventus-Napoli del prossimo 29 ottobre sarà off limits per i tifosi azzurri, dal momento che è stato disposto il «divieto di vendita dei tagliandi ai residenti della Regione Campania anche se in possesso della tessera del tifoso, con conseguente sospensione dei programmi di fidelizzazione della Ssc Napoli e la chiusura del settore Tribuna Nord/Ospiti dello Stadium». Il provvedimento del Prefetto è stato adottato su indicazione proprio del Casms. La curiosità è che il dottor Saccone è nativo di Santa Maria Capua Vetere, nel Casertano, e si è laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. La motivazione, diffusa anche dall’ufficio stampa della Juventus, è dovuta «all’attualità del rischio connesso all’acerrima rivalità tra le due tifoserie sfociata in passato anche in scontri». Un altro colpo al calcio aperto a tutti, un altro fallimento della Tessera del tifoso, voluta proprio per garantire alle tifoserie ospiti di partecipare alle trasferte della propria squadra del cuore in serenità e sicurezza. Anche nello scorso campionato fu vietato lo «Juventus Stadium» ai tifosi del Napoli, come ormai accade per tutte le trasferte giudicate «a rischio». Con quella del 29 sono tre le gare consecutive tra bianconeri e azzurri disputate in campionato con il divieto per i tifosi partenopei di assistervi: l’ultima partita di Torino «aperta» anche al pubblico di fede napoletana risale al 10 novembre 2013. Intanto l’attesa per Juventus-Napoli è già alta: dalle ore 18 di giovedì 27, presso «Eccellenze Campane», ex giocatori (tra cui Canè, Improta, Montefusco e Volpecina), artisti, scrittori e giornalisti daranno vita ad «Aspettando Juve-Napoli», una maratona di eventi che darà il via al lungo prologo del big match. (Dario Sarnataro – Il Mattino)

La prima di Higuain contro il Napoli sarà senza tifosi azzurri. È la decisione resa nota ieri dal prefetto di Torino, Renato Saccone, dopo la riunione tenutasi con il Casms (Comitato analisi sicurezza delle manifestazioni sportive). Juventus-Napoli del prossimo 29 ottobre sarà off limits per i tifosi azzurri, dal momento che è stato disposto il «divieto di vendita dei tagliandi ai residenti della Regione Campania anche se in possesso della tessera del tifoso, con conseguente sospensione dei programmi di fidelizzazione della Ssc Napoli e la chiusura del settore Tribuna Nord/Ospiti dello Stadium». Il provvedimento del Prefetto è stato adottato su indicazione proprio del Casms. La curiosità è che il dottor Saccone è nativo di Santa Maria Capua Vetere, nel Casertano, e si è laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. La motivazione, diffusa anche dall’ufficio stampa della Juventus, è dovuta «all’attualità del rischio connesso all’acerrima rivalità tra le due tifoserie sfociata in passato anche in scontri». Un altro colpo al calcio aperto a tutti, un altro fallimento della Tessera del tifoso, voluta proprio per garantire alle tifoserie ospiti di partecipare alle trasferte della propria squadra del cuore in serenità e sicurezza. Anche nello scorso campionato fu vietato lo «Juventus Stadium» ai tifosi del Napoli, come ormai accade per tutte le trasferte giudicate «a rischio». Con quella del 29 sono tre le gare consecutive tra bianconeri e azzurri disputate in campionato con il divieto per i tifosi partenopei di assistervi: l’ultima partita di Torino «aperta» anche al pubblico di fede napoletana risale al 10 novembre 2013. Intanto l’attesa per Juventus-Napoli è già alta: dalle ore 18 di giovedì 27, presso «Eccellenze Campane», ex giocatori (tra cui Canè, Improta, Montefusco e Volpecina), artisti, scrittori e giornalisti daranno vita ad «Aspettando Juve-Napoli», una maratona di eventi che darà il via al lungo prologo del big match. (Dario Sarnataro – Il Mattino)