Il Massa Lubrense in balia del ciclone Afro Napoli

0

I costieri in vantaggio subiscono la rimonta, perdono la testa e poi vengono surclassati

 

Massa Lubrense – Doveva essere la gara della riscossa e della prima vittoria della stagione ma i nerazzurri sono stati travolti dal ciclone Afro Napoli e dopo essere stati vantaggio perdono la testa e subiscono la rimonta e poi vengono surclassati.

In sintesi la partita giocata in casa con la squadra multietnica che da qualche tempo sta facendo parlare di se, mentre i costieri devono recitare il mea culpa per tutto quello che hanno dapprima costruito e poi sfasciato.

La squadra costiera parte con una buona lena ed ha la ghiotta occasione per portarsi in vantaggio al 6’: Marcia dalla fascia destra crossa in area per De Rosa, che controlla e prova a girarsi, ma viene ostacolato fallosamente da Iervolino. L’arbitro è non ha esitazioni ed indica il dischetto, sul quale  va capitan Pollio che si fa ipnotizzare da D’Auria. Poi il numero uno biancoverde al 9’ si oppone magnificamente sulla conclusione a botta sicura di De Rosa. Gli ospiti si fanno vedere al 17’ con il dialogo tra Mugolieri e Borrelli, che crossa ma Zurino è bravo ad anticipare Dos Santos in area piccola di pugno. I nerazzurri battono cassa e sono premiati al 20’: Marcia batte un calcio d’angolo dalla sinistra e trova l’inzuccata vincente di De Rosa. L’Afro Napoli non resta al palo anzi sfortunatamente lo coglie su una punizione battuta da Palumbo, che gela l’estremo ospite ma non il legno.  I costieri passata la momentanea paura raddoppiano al 34’ con De Stefano che dopo aver recuperato palla dai trenta metri, vede D’Auria fuori dai pali ed inventa il gol della domenica con un tiro che muore al sette. I napoletani barcollano ma nel recupero devono ringraziare l’errore che commette l’estremo Zurino, che regala a Dos Santos il gol che accorcia le distanze.

Alla ripresa i leoni escono con un piglio rabbioso che i costieri cercano di tenere a bada, ma fino ad un certo punto, perché dopo che il tiro di Palumbo è stato parato in due tempi, si devono arrendere allo stesso che con un tiro cross maligno sorprende un non attento Zurino e pareggia.

Lo stesso numero uno massese però poi si riscatta al 18’ quando il neoentrato Sica ha la palla per il sorpasso con Alassani che lo imbecca centralmente e l’attaccante si trova a tu per tu con l’estremo massese, ma questa volta la risposta del portiere è super. Poi deve vedere la sfera che da un corner cozza contro la traversa. Questo è indice di una squadra multietnica che mette pressione ed al 23’ Mugolieri è liberato in area da un rimpallo e calcia, ma la sua finalizzazione si stampa ancora sul legno orizzontale. Poi lo stesso cinque primi dopo cerca di beffare il portiere con un pallonetto, ma la mira va a farsi benedire. Non al 26’ quando il tap-in di Sica mette la freccia del sorpasso dopo che la palla di Palumbo è stata respinta da Zurino. I nerazzurri da questo momento perdono la bussola ed il nervosismo fa un male letale a De Stefano che per comportamento scorretto viene espulso. In dieci i massesi ormai vanno in bambola e così nel giro di due minuti i biancoverdi vanno a segno per due volte con il velocissimo Alassani che surclassa la difesa avversaria e festeggia una doppietta sprint sempre assistita da Palumbo (30’ e e31). La gara è segnata ma i napoletani non sembrano paghi così come la freccia nera che firma l’hattrick al 41’ con un destro di forza finalizzando l’azione lanciata da Sica e rifinita da Borrelli. In pieno recupero Palumbo avrebbe la palla del settimo sigillo con un’incursione, ma il tiro a giro sibila alla destra del palo difeso dal portiere massese. Il triplice fischio sancisce un’amara verità: un solo punto alla sesta giornata per i nerrazzurri.

 

 

CAMPIONATO PROMOZIONE CAMPANIA 2016-17 – GIRONE B – 6^ GIORNATA

MASSA LUBRENSE – AFRO NAPOLI UNITED  2-6

Goals: pt – 20’ De Rosa (ML), 34’ De Stefano (ML), 46’ Dos Santos (ANU); st –  9’ Palumbo (ANU), 26’ Sica (ANU), 30’, 31’ e 41’ Alassani (ANU).
 

MASSA LUBRENSE (4-3-3): Zurino; Schiazzano, De Stefano, Russo, Gargiulo V; Pollio, De Maio, De Rosa; Marcia (20’st Fiorentino), Zarrella, Aprea.    Allen: Gargiulo.

AFRO-NAPOLI UNITED (4-3-3): D’Auria; Troise, Iervolino, Montanino V, Sano; Aldair Soares (1’st Dommarco), Borrelli, Palumbo; Mugolieri (27’st Cozzolino), Alassani, Dos Santos (17’st Sica).

Allen: Montanino.
Arbitro: Raffaele Gallo Castellammare di Stabia
Assistenti:  Pasquale Sorrentino e Camillo Amarante di Castellammare di Stabia.

Espulso: De Stefano (ML).
Ammoniti: Marcia, Zarrella, Gargiulo , Fiorentino e De Maio (ML); Soares Delgado (ANU).
Note: giornata serena, erba sintetica buona, spettatori 100 circa; al 6’ pt D’Auria para rigore a Pollio.

 

 

GISPA

 

I costieri in vantaggio subiscono la rimonta, perdono la testa e poi vengono surclassati

 

Massa Lubrense – Doveva essere la gara della riscossa e della prima vittoria della stagione ma i nerazzurri sono stati travolti dal ciclone Afro Napoli e dopo essere stati vantaggio perdono la testa e subiscono la rimonta e poi vengono surclassati.

In sintesi la partita giocata in casa con la squadra multietnica che da qualche tempo sta facendo parlare di se, mentre i costieri devono recitare il mea culpa per tutto quello che hanno dapprima costruito e poi sfasciato.

La squadra costiera parte con una buona lena ed ha la ghiotta occasione per portarsi in vantaggio al 6’: Marcia dalla fascia destra crossa in area per De Rosa, che controlla e prova a girarsi, ma viene ostacolato fallosamente da Iervolino. L’arbitro è non ha esitazioni ed indica il dischetto, sul quale  va capitan Pollio che si fa ipnotizzare da D’Auria. Poi il numero uno biancoverde al 9’ si oppone magnificamente sulla conclusione a botta sicura di De Rosa. Gli ospiti si fanno vedere al 17’ con il dialogo tra Mugolieri e Borrelli, che crossa ma Zurino è bravo ad anticipare Dos Santos in area piccola di pugno. I nerazzurri battono cassa e sono premiati al 20’: Marcia batte un calcio d’angolo dalla sinistra e trova l’inzuccata vincente di De Rosa. L’Afro Napoli non resta al palo anzi sfortunatamente lo coglie su una punizione battuta da Palumbo, che gela l’estremo ospite ma non il legno.  I costieri passata la momentanea paura raddoppiano al 34’ con De Stefano che dopo aver recuperato palla dai trenta metri, vede D’Auria fuori dai pali ed inventa il gol della domenica con un tiro che muore al sette. I napoletani barcollano ma nel recupero devono ringraziare l’errore che commette l’estremo Zurino, che regala a Dos Santos il gol che accorcia le distanze.

Alla ripresa i leoni escono con un piglio rabbioso che i costieri cercano di tenere a bada, ma fino ad un certo punto, perché dopo che il tiro di Palumbo è stato parato in due tempi, si devono arrendere allo stesso che con un tiro cross maligno sorprende un non attento Zurino e pareggia.

Lo stesso numero uno massese però poi si riscatta al 18’ quando il neoentrato Sica ha la palla per il sorpasso con Alassani che lo imbecca centralmente e l’attaccante si trova a tu per tu con l’estremo massese, ma questa volta la risposta del portiere è super. Poi deve vedere la sfera che da un corner cozza contro la traversa. Questo è indice di una squadra multietnica che mette pressione ed al 23’ Mugolieri è liberato in area da un rimpallo e calcia, ma la sua finalizzazione si stampa ancora sul legno orizzontale. Poi lo stesso cinque primi dopo cerca di beffare il portiere con un pallonetto, ma la mira va a farsi benedire. Non al 26’ quando il tap-in di Sica mette la freccia del sorpasso dopo che la palla di Palumbo è stata respinta da Zurino. I nerazzurri da questo momento perdono la bussola ed il nervosismo fa un male letale a De Stefano che per comportamento scorretto viene espulso. In dieci i massesi ormai vanno in bambola e così nel giro di due minuti i biancoverdi vanno a segno per due volte con il velocissimo Alassani che surclassa la difesa avversaria e festeggia una doppietta sprint sempre assistita da Palumbo (30’ e e31). La gara è segnata ma i napoletani non sembrano paghi così come la freccia nera che firma l’hattrick al 41’ con un destro di forza finalizzando l’azione lanciata da Sica e rifinita da Borrelli. In pieno recupero Palumbo avrebbe la palla del settimo sigillo con un’incursione, ma il tiro a giro sibila alla destra del palo difeso dal portiere massese. Il triplice fischio sancisce un’amara verità: un solo punto alla sesta giornata per i nerrazzurri.

 

 

CAMPIONATO PROMOZIONE CAMPANIA 2016-17 – GIRONE B – 6^ GIORNATA

MASSA LUBRENSE – AFRO NAPOLI UNITED  2-6

Goals: pt – 20’ De Rosa (ML), 34’ De Stefano (ML), 46’ Dos Santos (ANU); st –  9’ Palumbo (ANU), 26’ Sica (ANU), 30’, 31’ e 41’ Alassani (ANU).
 

MASSA LUBRENSE (4-3-3): Zurino; Schiazzano, De Stefano, Russo, Gargiulo V; Pollio, De Maio, De Rosa; Marcia (20’st Fiorentino), Zarrella, Aprea.    Allen: Gargiulo.

AFRO-NAPOLI UNITED (4-3-3): D’Auria; Troise, Iervolino, Montanino V, Sano; Aldair Soares (1’st Dommarco), Borrelli, Palumbo; Mugolieri (27’st Cozzolino), Alassani, Dos Santos (17’st Sica).

Allen: Montanino.
Arbitro: Raffaele Gallo Castellammare di Stabia
Assistenti:  Pasquale Sorrentino e Camillo Amarante di Castellammare di Stabia.

Espulso: De Stefano (ML).
Ammoniti: Marcia, Zarrella, Gargiulo , Fiorentino e De Maio (ML); Soares Delgado (ANU).
Note: giornata serena, erba sintetica buona, spettatori 100 circa; al 6’ pt D’Auria para rigore a Pollio.

 

 

GISPA