ANTICA PIZZERIA E FRIGITORIA DI MATTEO

0

Presente anche  Marina Piccola di Sorrento , con  PIZZAIOLIUNITI, per la manifestazione del FILO D’ORO, Salvatore di Matteo, è colui il quale mise tra le mani di Bill Clinton , in occasione del G7 a Napoli nel 1994, la pizza piegata a quattro. Il suo locale è incastonato in un locale del centro storico antico di Napoli, al piano strada il forno e la friggitrice e al primo piano nelle stanze di una antica abitazione, i tavoli per gli avventori internazionali. 

Salvatore Di Matteo nasce a Napoli il 18 aprile del ‘74. Discendente di una storica famiglia di pizzaioli inizia a muovere i primi passi nel mondo della pizza fin dai primi anni di età. Si può quasi dire che fosse nato con “le mani nella farina” perché mamma Giuseppina, per aiutare il marito, aveva lavorato in pizzeria fino a poche ore prima che Salvatore venisse al mondo. L’amore verso questo antico mestiere è assoluto, all’eta’ di 13 anni papà Nicola comincia a trasmettere a Salvatore le fondamenta della professione, ma, come è giusto che sia, anche il figlio del titolare deve affrontare la sua buona dose di gavetta! Comincia come garzone per poi ottenere mansioni sempre più adatte alla sua innata propensione verso questo mestiere sostenuto dall’amato zio Gennaro che immancabilmente faceva notare a suo fratello Nicola quanto suo figlio fosse predisposto per quell’attività.

 

Napoli. La pizza da Di Matteo.

 

 

Presente anche  Marina Piccola di Sorrento , con  PIZZAIOLIUNITI, per la manifestazione del FILO D'ORO, Salvatore di Matteo, è colui il quale mise tra le mani di Bill Clinton , in occasione del G7 a Napoli nel 1994, la pizza piegata a quattro. Il suo locale è incastonato in un locale del centro storico antico di Napoli, al piano strada il forno e la friggitrice e al primo piano nelle stanze di una antica abitazione, i tavoli per gli avventori internazionali. 

Salvatore Di Matteo nasce a Napoli il 18 aprile del ‘74. Discendente di una storica famiglia di pizzaioli inizia a muovere i primi passi nel mondo della pizza fin dai primi anni di età. Si può quasi dire che fosse nato con “le mani nella farina” perché mamma Giuseppina, per aiutare il marito, aveva lavorato in pizzeria fino a poche ore prima che Salvatore venisse al mondo. L’amore verso questo antico mestiere è assoluto, all'eta' di 13 anni papà Nicola comincia a trasmettere a Salvatore le fondamenta della professione, ma, come è giusto che sia, anche il figlio del titolare deve affrontare la sua buona dose di gavetta! Comincia come garzone per poi ottenere mansioni sempre più adatte alla sua innata propensione verso questo mestiere sostenuto dall’amato zio Gennaro che immancabilmente faceva notare a suo fratello Nicola quanto suo figlio fosse predisposto per quell’attività.

 

Pizzeria Di Matteo

Lascia una risposta