Eleonora Brigliadori contro le Iene e la Toffa, attaccata sui tumori, ma la chemioterapia è unica terapia?

0

Riflettere dalle notizie nazionali.. parliamo di tumore, no alle terapie paramediche e siamo d’accordo, ma la chemioterapia è l’unica scelta? Siamo sicuri che le Iene non dovrebbero indagare anche su come funziona il mondo della “non-cura” al tumore? della mancanza di prevenzione? Del record di mortalità in Campania non per la Terra dei Fuochi ma per la Terra delle Tangenti che fa corsie preferenziali? E di mancanza di diagnostica e tempi di attesa ne vogliamo parlare? Su un “sistema” che vede i malati come limoni da spremere o pensiamo che la medicina ufficiale e istituzionale sono tutti buoni e belli e gli altri cattivi? Mah 

A far infuriare l’ex conduttrice televisiva sono state alcune domande della giornalista sui metodi per la cura del cancro professati e diffusi dalla stessa Brigliadori. La showgirl, non solo suggerisce ai malati di non sottoporti alla chemioterapia, ma segue il metodo Hamer, ex medico tedesco radiato dall’Albo nel 1981. Il sedicente dottore ritiene ci sia un collegamento tra l’insorgenza delle malattie e precisi squilibri psichici dei pazienti. La teoria, che non ha alcun fondamento scientifico, è stata elaborata da Hamer dopo la morte del figlio, ucciso nel 1978 nel corso di un incidente con un’arma da fuoco. L’anno dopo il medico fu colpito da un tumore al testicolo che attribuì al trauma provocatogli dalla morte del figlio. Alle domande della Toffa la reazione della Brigliadori è stata piuttosto violenta, come documentato dalle immagini mandate in onda nel corso della trasmissione. Ma l’ex conduttrice ha deciso di continuare la polemica anche sulla sua pagina facebook attaccando duramente la televisione: “Ho deciso di lasciare tutte le immondizie che la televisione,in modo particolare un programma pieno di cadaveri è capace di produrre, perché faccia da specchio a questa società sull’orlo del tracollo. Dedico questo bellissimo dipinto a tutte queste anime perse che vogliono augurare la morte agli altri esseri, che usano turpiloquio che mistificano la verità con l’arte del montaggio e con i doppiaggi, trasformando degli atti di generosità e di altruismo in qualcosa di assolutamente deformato”. E ancora: “Mi auguro che chiuda presto questo programma immondo, perché quello che ha generato è visibile in questo momento sulla mia pagina che fino a pochi giorni fa era un luogo di incontro di condivisione e di informazione sana.Vi perdono anzitempo per la vostra incapacità di vedere oltre il vostro naso. Fatevi una domanda: come mai avete tutta questa rabbia in corpo? Forse perché avete paura di morire o perché con i loro veleni i medici vi hanno avvelenato anche lo spirito? E in che modo le mie parole potrebbero causare la vostra morte se siete così convinti che la chemioterapia sia una via sana? “. Eleonora Brigliadori, nelle prime righe, fa riferimento ai numerosi messaggi di insulti che le stanno arrivando e che lei sta pubblicando sulla propria bacheca. Ma sempre in riferimento al programma di Italia 1 continua: “È facile far credere quello che si vuole quando si ha il coltello dalla parte del manico si registra e si monta quello che fa comodo per cercare di distruggere una persona nella sua integrità innanzitutto bisogna scindere ciò che io stavo facendo durante un seminario di euritmia dedicato a San Michele da tutta la questione del Cancro invece questi signori delle Iene nonostante la diffida hanno voluto confondere e far credere alla gente che questa avesse a che fare con la guarigione cosa che è falsa quindi mi hanno usato in un ruolo pedagogico attraverso l’insegnamento di un’arte come l’euritmia per fare cosa?”.  Lasciamo vedere il video delle Iene ai nostri lettori, ma un appunto lo vorremmo fare alle Iene, siamo sicuri che la chemioterapia è l’unica terapia possibile e che non faccia mai male?  E perchè non si fa una bella inchiesta di come viene NON affrontata la prevenzione (dall’alimentazione alle diagnosi precoci) in Italia? E perchè la Campania , per esempio, è la Regione con il massimo di mortalità? Le risposte devono venire dalla medicina ufficiale,  e, purtroppo, indirettamente, dalla politica, ma anche questa deve porsi o essere costretta a porsi delle domande e trovare delle soluzioni ECCO IL VIDEO DELLE IENE 

Riflettere dalle notizie nazionali.. parliamo di tumore, no alle terapie paramediche e siamo d'accordo, ma la chemioterapia è l'unica scelta? Siamo sicuri che le Iene non dovrebbero indagare anche su come funziona il mondo della "non-cura" al tumore? della mancanza di prevenzione? Del record di mortalità in Campania non per la Terra dei Fuochi ma per la Terra delle Tangenti che fa corsie preferenziali? E di mancanza di diagnostica e tempi di attesa ne vogliamo parlare? Su un "sistema" che vede i malati come limoni da spremere o pensiamo che la medicina ufficiale e istituzionale sono tutti buoni e belli e gli altri cattivi? Mah 

A far infuriare l'ex conduttrice televisiva sono state alcune domande della giornalista sui metodi per la cura del cancro professati e diffusi dalla stessa Brigliadori. La showgirl, non solo suggerisce ai malati di non sottoporti alla chemioterapia, ma segue il metodo Hamer, ex medico tedesco radiato dall’Albo nel 1981. Il sedicente dottore ritiene ci sia un collegamento tra l’insorgenza delle malattie e precisi squilibri psichici dei pazienti. La teoria, che non ha alcun fondamento scientifico, è stata elaborata da Hamer dopo la morte del figlio, ucciso nel 1978 nel corso di un incidente con un’arma da fuoco. L’anno dopo il medico fu colpito da un tumore al testicolo che attribuì al trauma provocatogli dalla morte del figlio. Alle domande della Toffa la reazione della Brigliadori è stata piuttosto violenta, come documentato dalle immagini mandate in onda nel corso della trasmissione. Ma l'ex conduttrice ha deciso di continuare la polemica anche sulla sua pagina facebook attaccando duramente la televisione: "Ho deciso di lasciare tutte le immondizie che la televisione,in modo particolare un programma pieno di cadaveri è capace di produrre, perché faccia da specchio a questa società sull'orlo del tracollo. Dedico questo bellissimo dipinto a tutte queste anime perse che vogliono augurare la morte agli altri esseri, che usano turpiloquio che mistificano la verità con l'arte del montaggio e con i doppiaggi, trasformando degli atti di generosità e di altruismo in qualcosa di assolutamente deformato". E ancora: "Mi auguro che chiuda presto questo programma immondo, perché quello che ha generato è visibile in questo momento sulla mia pagina che fino a pochi giorni fa era un luogo di incontro di condivisione e di informazione sana.Vi perdono anzitempo per la vostra incapacità di vedere oltre il vostro naso. Fatevi una domanda: come mai avete tutta questa rabbia in corpo? Forse perché avete paura di morire o perché con i loro veleni i medici vi hanno avvelenato anche lo spirito? E in che modo le mie parole potrebbero causare la vostra morte se siete così convinti che la chemioterapia sia una via sana? ". Eleonora Brigliadori, nelle prime righe, fa riferimento ai numerosi messaggi di insulti che le stanno arrivando e che lei sta pubblicando sulla propria bacheca. Ma sempre in riferimento al programma di Italia 1 continua: "È facile far credere quello che si vuole quando si ha il coltello dalla parte del manico si registra e si monta quello che fa comodo per cercare di distruggere una persona nella sua integrità innanzitutto bisogna scindere ciò che io stavo facendo durante un seminario di euritmia dedicato a San Michele da tutta la questione del Cancro invece questi signori delle Iene nonostante la diffida hanno voluto confondere e far credere alla gente che questa avesse a che fare con la guarigione cosa che è falsa quindi mi hanno usato in un ruolo pedagogico attraverso l'insegnamento di un'arte come l'euritmia per fare cosa?".  Lasciamo vedere il video delle Iene ai nostri lettori, ma un appunto lo vorremmo fare alle Iene, siamo sicuri che la chemioterapia è l'unica terapia possibile e che non faccia mai male?  E perchè non si fa una bella inchiesta di come viene NON affrontata la prevenzione (dall'alimentazione alle diagnosi precoci) in Italia? E perchè la Campania , per esempio, è la Regione con il massimo di mortalità? Le risposte devono venire dalla medicina ufficiale,  e, purtroppo, indirettamente, dalla politica, ma anche questa deve porsi o essere costretta a porsi delle domande e trovare delle soluzioni ECCO IL VIDEO DELLE IENE