La Città in sciopero per aggressione dell’editore ai giornalisti di Metropolis, ma Metropolis non ne parla

0

I giornalisti di Metropolis aggrediti in redazione da uno dei suoi editori la FNSI e l’ Ordine dei Giornalisti esprimono solidarietà  ma Metropolis non ne parlano. Intanto Scioperano i giornalisti de “La Città” di Salerno per protestare contro l’aggressione ad alcuni giornalisti nella redazione del giornale da parte di un imprenditore che avrebbe preacquistato il giornale. “Il Comitato di redazione del quotidiano silegge in una nota – appreso del gravissimo episodio avvenuto nella redazione centrale del quotidiano “Metropolis”, dove un finanziatore del giornale ha minacciato alcuni giornalisti arrivando all’aggressione di due cronisti, e ricordando che il finanziatore in questione è l’imprenditore al quale il gruppo L’Espresso-Finegil sta per cedere la Città, condanna con forza l’episodio e proclama un pacchetto di sei giorni di sciopero, i primi quattro dei quali a partire da sabato 1 fino a martedì 4 ottobre, giorno nel quale i sindacati nazionali e locali sono convocati nella sede della Fieg a Roma per il primo incontro ufficiale con la società cedente e la società cessionaria. Contestualmente l’assemblea del quotidiano la Città esprime solidarietà e vicinanza ai colleghi di Metropolis”.

I giornalisti di Metropolis aggrediti in redazione da uno dei suoi editori la FNSI e l' Ordine dei Giornalisti esprimono solidarietà  ma Metropolis non ne parlano. Intanto Scioperano i giornalisti de "La Città" di Salerno per protestare contro l'aggressione ad alcuni giornalisti nella redazione del giornale da parte di un imprenditore che avrebbe preacquistato il giornale. "Il Comitato di redazione del quotidiano silegge in una nota – appreso del gravissimo episodio avvenuto nella redazione centrale del quotidiano "Metropolis", dove un finanziatore del giornale ha minacciato alcuni giornalisti arrivando all'aggressione di due cronisti, e ricordando che il finanziatore in questione è l'imprenditore al quale il gruppo L'Espresso-Finegil sta per cedere la Città, condanna con forza l'episodio e proclama un pacchetto di sei giorni di sciopero, i primi quattro dei quali a partire da sabato 1 fino a martedì 4 ottobre, giorno nel quale i sindacati nazionali e locali sono convocati nella sede della Fieg a Roma per il primo incontro ufficiale con la società cedente e la società cessionaria. Contestualmente l'assemblea del quotidiano la Città esprime solidarietà e vicinanza ai colleghi di Metropolis".