Pompei oggi la supplica della Madonna del Rosario in diretta streaming

0

Pompei. Oggi a mezzogiorno in punto scatterà la suggestiva «Ora del Mondo». La preghiera più conosciuta, partecipata e recitata dedicata alla Madonna del Rosario di Pompei, scritta dal Beato Bartolo Longo nel 1883. Il mondo si collegherà con il sagrato della basilica, in diretta streaming attraverso il portale del santuario, ed interagirà con i 50mila fedeli presenti ai piedi della «Regina del Rosario». Anche se Papa Francesco è impegnato nella missione pastorale in Georgia, i pellegrini della Vergine attendono speranzosi un suo messaggio di saluto, così come avviene ad ogni Supplica durante la recita dell’Angelus o del Regina Coeli. Già da ieri sera i fedeli hanno affollato il santuario per partecipare alla veglia mariana, animata dalla «Pastorale Familiare e Vocazionale» e dai giovani della «Azione Cattolica», culminata con la santa Messa di mezzanotte celebrata in basilica dall’arcivescovo Tommaso Caputo. Durante la notte, si sono susseguiti diversi momenti di preghiera che hanno accompagnato i fedeli fino a questa mattina. La santa Messa e la recita della Supplica, in questa prima domenica di ottobre, saranno presiedute dall’arcivescovo Beniamino Depalma, presule di Nola, che animerà la sua omelia con le parole di Mengoni: «Credo negli esseri umani che hanno il coraggio di essere umani». Tradotta in dieci lingue, dall’inglese al russo, dall’armeno al cinese, dall’urdu al maltese, al tamil, la Supplica è stata annoverata tra le preghiere universali, come il Padre Nostro e l’Ave Maria. «L’ora del mondo», come amava definirla il beato Bartolo Longo, viene recitata solennemente due volte l’anno, alle 12 in punto, dell’8 maggio e della prima domenica d’ottobre, richiamando migliaia di pellegrini, provenienti da tutta Italia e dall’estero, che in queste occasioni, si raccolgono davanti alla facciata del santuario per partecipare alla sua recita corale. La devozione alla Madonna di Pompei è diffusa in tutto il mondo grazie soprattutto agli emigranti, ai quali, prima che si imbarcassero dal porto di Napoli, Bartolo Longo donava quadri della Madonna, assieme a corone del Rosario, immaginette e libretti di preghiere. Nel mondo sono nate, così, moltissime chiese, parrocchie e santuari dedicati alla Madonna di Pompei. Non si contano, poi, le associazioni e le confraternite a Lei dedicate. Solo negli Stati Uniti ci sono ben 10 chiese intestate alla Madonna di Pompei: a New York, Chicago, Providence, Lancaster. Altrettante ce ne sono a Montreal e Vancouver in Canada. Se ne trovano anche in Argentina, Brasile, Venezuela e Uruguay e in tutte si organizzano numerose attività per promuovere il culto e la devozione alla Madonna. Allerta massima sulla funzione religiosa. Dal Viminale sono giunte disposizioni precise: «tale funzione religiosa ha una valenza mondiale, pertanto vanno poste in essere tutte le azioni di sicurezza atte a prevenire eventi di natura terroristica». L’uscita autostradale consigliata dalla polizia municipale è «Pompei Est», più vicina al santuario e ad aree di parcheggio idonee alla sosta degli autobus dei pellegrini. Due maxi schermi saranno installati ai lati della piazza per consentire ai fedeli di avere una visione migliore della funzione religiosa. Decine di bagni chimici sono stati collocati nei pressi della basilica Susy Malafronte  Il Mattino

Pompei. Oggi a mezzogiorno in punto scatterà la suggestiva «Ora del Mondo». La preghiera più conosciuta, partecipata e recitata dedicata alla Madonna del Rosario di Pompei, scritta dal Beato Bartolo Longo nel 1883. Il mondo si collegherà con il sagrato della basilica, in diretta streaming attraverso il portale del santuario, ed interagirà con i 50mila fedeli presenti ai piedi della «Regina del Rosario». Anche se Papa Francesco è impegnato nella missione pastorale in Georgia, i pellegrini della Vergine attendono speranzosi un suo messaggio di saluto, così come avviene ad ogni Supplica durante la recita dell'Angelus o del Regina Coeli. Già da ieri sera i fedeli hanno affollato il santuario per partecipare alla veglia mariana, animata dalla «Pastorale Familiare e Vocazionale» e dai giovani della «Azione Cattolica», culminata con la santa Messa di mezzanotte celebrata in basilica dall'arcivescovo Tommaso Caputo. Durante la notte, si sono susseguiti diversi momenti di preghiera che hanno accompagnato i fedeli fino a questa mattina. La santa Messa e la recita della Supplica, in questa prima domenica di ottobre, saranno presiedute dall'arcivescovo Beniamino Depalma, presule di Nola, che animerà la sua omelia con le parole di Mengoni: «Credo negli esseri umani che hanno il coraggio di essere umani». Tradotta in dieci lingue, dall'inglese al russo, dall'armeno al cinese, dall'urdu al maltese, al tamil, la Supplica è stata annoverata tra le preghiere universali, come il Padre Nostro e l'Ave Maria. «L'ora del mondo», come amava definirla il beato Bartolo Longo, viene recitata solennemente due volte l'anno, alle 12 in punto, dell'8 maggio e della prima domenica d'ottobre, richiamando migliaia di pellegrini, provenienti da tutta Italia e dall'estero, che in queste occasioni, si raccolgono davanti alla facciata del santuario per partecipare alla sua recita corale. La devozione alla Madonna di Pompei è diffusa in tutto il mondo grazie soprattutto agli emigranti, ai quali, prima che si imbarcassero dal porto di Napoli, Bartolo Longo donava quadri della Madonna, assieme a corone del Rosario, immaginette e libretti di preghiere. Nel mondo sono nate, così, moltissime chiese, parrocchie e santuari dedicati alla Madonna di Pompei. Non si contano, poi, le associazioni e le confraternite a Lei dedicate. Solo negli Stati Uniti ci sono ben 10 chiese intestate alla Madonna di Pompei: a New York, Chicago, Providence, Lancaster. Altrettante ce ne sono a Montreal e Vancouver in Canada. Se ne trovano anche in Argentina, Brasile, Venezuela e Uruguay e in tutte si organizzano numerose attività per promuovere il culto e la devozione alla Madonna. Allerta massima sulla funzione religiosa. Dal Viminale sono giunte disposizioni precise: «tale funzione religiosa ha una valenza mondiale, pertanto vanno poste in essere tutte le azioni di sicurezza atte a prevenire eventi di natura terroristica». L'uscita autostradale consigliata dalla polizia municipale è «Pompei Est», più vicina al santuario e ad aree di parcheggio idonee alla sosta degli autobus dei pellegrini. Due maxi schermi saranno installati ai lati della piazza per consentire ai fedeli di avere una visione migliore della funzione religiosa. Decine di bagni chimici sono stati collocati nei pressi della basilica Susy Malafronte  Il Mattino