Castellammare notte di fuoco rifiuti e auto bruciate

0

 Castellammare. Due incendi e tre auto in fiamme, paura nella notte tra le strade del centro cittadino. Notte di lavoro per i vigili del fuoco della caserma di Castellammare, allertati tra le 4 e le 5, per domare due incendi a via Denza e via Allende. Il primo intervento è stato effettuato a via Denza dove ad andare in fumo sono stati i rifiuti depositati nei pressi di un supermercato, le fiamme poi hanno danneggiato due vetture parcheggiate in strada. Gravi danni per una Ford Fusion e una Lancia Y, avvolte dalle fiamme alla parte anteriore. I caschi rossi hanno presto domato l’incendio prima che la situazione potesse degenerare, sul posto gli agenti del commissariato di Castellammare per i rilievi del caso. La natura dell’incendio è quasi certamente dolosa: secondo le prime ricostruzioni qualcuno avrebbe dato alle fiamme i rifiuti posizionati in alcuni carrelli di un supermercato, il rogo si è poi propagato verso le autovetture parcheggiate in strada. È la stessa zona piombata nella paura nello scorso mese di agosto, nelle ore del pomeriggio, quando un intero appartamento è stato completamente distrutto dalle fiamme dopo una violenta esplosione. I poliziotti stabiesi hanno subito avviato le indagini per risalire ai piromani, ora sono al vaglio degli inquirenti i filmati dei sistemi di videosorveglianza degli impianti privati e di quello pubblico. L’ipotesi è che si possa trattare della bravata di un gruppo di ragazzini oppure di una cicca di sigaretta lasciata in terra. Sui social network è scoppiata la polemica tra gli internauti, sia per il raid che ha lasciato un odore acre nell’aria per tutta la notte e sia perché il cumulo di rifiuti bruciati è rimasto lì senza essere rimosso per l’intera giornata occupando gran parte del marciapiede di via Denza ostacolando il passaggio dei pedoni. «Questo degrado non è accettabile», lo sfogo di un cittadino stabiese sul web. C’è chi posta le foto nelle ore del pomeriggio a diverse ore dall’episodio: «Ogni commento sarebbe superfluo, ma tutto ciò è normale?». La seconda chiamata al 115 dei vigili del fuoco è arrivata alle 5 del mattino per segnalare un’altra automobile in fiamme in via Allende. Qui ad essere divorata dal fuoco una Smart andata completamente distrutta in pochi minuti. I residenti del posto, dopo aver allertato i pompieri, si sono prodigati per domare l’incendio lanciando secchi di acqua dai piani alti dei palazzi che danno sulla strada. Tutto inutile, infatti il rogo si è sviluppato velocemente e solo con l’intervento dei vigili del fuoco l’incendio è stato spento. In questo caso, secondo i primi rilievi, la pista sarebbe quella della causa accidentale: sembrerebbe che a provocare le fiamme sia stato un corto circuito all’impianto elettrico della vettura. Automobili nel mirino anche nel vicino comune di Gragnano sui monti Lattari dove è allarme per una gang che si divertirebbe a lanciare sassi e pietre contro le auto in sosta. Negli ultimi giorni stanno arrivando tante segnalazioni e denunce alle forze dell’ordine per diversi danneggiamenti. La scorsa notte quattro automobili, parcheggiate in strada a via Starza, sono state danneggiate dal lancio di pietre. Una notte di baldoria e i lunotti di diverse vetture sono stati mandati in frantumi. Non è il primo episodio del genere che viene segnalato alle autorità che stanno dando la caccia ai vandali con l’aiuto delle telecamere di videosorveglianza del sistema cittadino. Raffaele Cava Il Mattino

 Castellammare. Due incendi e tre auto in fiamme, paura nella notte tra le strade del centro cittadino. Notte di lavoro per i vigili del fuoco della caserma di Castellammare, allertati tra le 4 e le 5, per domare due incendi a via Denza e via Allende. Il primo intervento è stato effettuato a via Denza dove ad andare in fumo sono stati i rifiuti depositati nei pressi di un supermercato, le fiamme poi hanno danneggiato due vetture parcheggiate in strada. Gravi danni per una Ford Fusion e una Lancia Y, avvolte dalle fiamme alla parte anteriore. I caschi rossi hanno presto domato l'incendio prima che la situazione potesse degenerare, sul posto gli agenti del commissariato di Castellammare per i rilievi del caso. La natura dell'incendio è quasi certamente dolosa: secondo le prime ricostruzioni qualcuno avrebbe dato alle fiamme i rifiuti posizionati in alcuni carrelli di un supermercato, il rogo si è poi propagato verso le autovetture parcheggiate in strada. È la stessa zona piombata nella paura nello scorso mese di agosto, nelle ore del pomeriggio, quando un intero appartamento è stato completamente distrutto dalle fiamme dopo una violenta esplosione. I poliziotti stabiesi hanno subito avviato le indagini per risalire ai piromani, ora sono al vaglio degli inquirenti i filmati dei sistemi di videosorveglianza degli impianti privati e di quello pubblico. L'ipotesi è che si possa trattare della bravata di un gruppo di ragazzini oppure di una cicca di sigaretta lasciata in terra. Sui social network è scoppiata la polemica tra gli internauti, sia per il raid che ha lasciato un odore acre nell'aria per tutta la notte e sia perché il cumulo di rifiuti bruciati è rimasto lì senza essere rimosso per l'intera giornata occupando gran parte del marciapiede di via Denza ostacolando il passaggio dei pedoni. «Questo degrado non è accettabile», lo sfogo di un cittadino stabiese sul web. C'è chi posta le foto nelle ore del pomeriggio a diverse ore dall'episodio: «Ogni commento sarebbe superfluo, ma tutto ciò è normale?». La seconda chiamata al 115 dei vigili del fuoco è arrivata alle 5 del mattino per segnalare un'altra automobile in fiamme in via Allende. Qui ad essere divorata dal fuoco una Smart andata completamente distrutta in pochi minuti. I residenti del posto, dopo aver allertato i pompieri, si sono prodigati per domare l'incendio lanciando secchi di acqua dai piani alti dei palazzi che danno sulla strada. Tutto inutile, infatti il rogo si è sviluppato velocemente e solo con l'intervento dei vigili del fuoco l'incendio è stato spento. In questo caso, secondo i primi rilievi, la pista sarebbe quella della causa accidentale: sembrerebbe che a provocare le fiamme sia stato un corto circuito all'impianto elettrico della vettura. Automobili nel mirino anche nel vicino comune di Gragnano sui monti Lattari dove è allarme per una gang che si divertirebbe a lanciare sassi e pietre contro le auto in sosta. Negli ultimi giorni stanno arrivando tante segnalazioni e denunce alle forze dell'ordine per diversi danneggiamenti. La scorsa notte quattro automobili, parcheggiate in strada a via Starza, sono state danneggiate dal lancio di pietre. Una notte di baldoria e i lunotti di diverse vetture sono stati mandati in frantumi. Non è il primo episodio del genere che viene segnalato alle autorità che stanno dando la caccia ai vandali con l'aiuto delle telecamere di videosorveglianza del sistema cittadino. Raffaele Cava Il Mattino