ABIO per i bambini ricoverati in Piazza Lauro(Libreria Tasso) sabato 24 e domenica 25 mattina

0

Sabato 24 e domenica 25 settembre dalle 8,00 alle 14,00 si tiene in 150 piazze d’Italia la consueta raccolta di beneficenza a favore di ABIO, l’associazione a sostegno dei bambini ricoverati nei reparti di Pediatria degli ospedali italiani. La manifestazione, giunta alla dodicesima edizione, rientra nella Giornata Nazionale “per Amore, per ABIO”. Grazie ai contributi dei sostenitori, l’Associazione, attiva in Italia dal 1978, realizza corsi di formazione per portare nuovi volontari nei reparti di Pediatria delle città italiane, e li rende “a misura di bambino” con libri e giochi, palloncini, sussidi didattici ed intrattenimenti. Durante la Giornata Nazionale “perAmore, perABIO” in tutt’Italia i volontari ABIO allestiscono stand in piazza offrendo un cestino di ottime pere, simbolo della Giornata, in cambio di una donazione per aiutarli a donare un sorriso ai piccoli ricoverati. La Giornata Nazionale ABIO può contare sull’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, sul Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. ABIO ONLUS è stata fondata a Milano nel 1978 per promuovere l’umanizzazione dell’ospedale, offrendo appoggio al bambino e alla sua famiglia, per rendere loro il meno traumatica possibile l’esperienza del ricovero. I volontari ABIO si occupano di sostenere e accogliere, in collaborazione con medici e operatori sanitari, bambini e famiglie che entrano in contatto con la struttura ospedaliera. Rappresentante italiano di EACH (European Association for Children in Hospital), che raggruppa e coordina le associazioni a favore dei bambini ricoverati di 16 Paesi europei, Fondazione ABIO Italia ONLUS coordina e promuove l’attività delle 68 Associazioni ABIO che con i loro 5.000 volontari, in tutta Italia, offrono un valido e costante supporto ai bambini e alle loro famiglie. Ogni anno ABIO realizza in Italia: 600.000 ore di servizio di volontariato presso le pediatrie ospedaliere, 500 ore di formazione e aggiornamento dei volontari, fornitura di materiale ludico-ricreativo in tutti i reparti. ABIO Castellammare, attiva nel reparto di Pediatria di Castellammare di Stabia, vi aspetta con i suoi volontari sabato 24 e domenica 25 a Sorrento in Piazza Lauro, di fronte alla Libreria Tasso, dalle 8,00 alle 14,00; la domenica negli stessi orari ci sarà anche una postazione a Piazza Santa Croce a Torre del Greco e Piazza Giovanni Paolo II a Santa Maria La Carità. Spiega il dottor Carlo Alfaro, Dirigente di I livello presso la Pediatria del San Leonardo di Castellammare: “I volontari ABIO accolgono il bambino al momento del ricovero, facilitano il suo inserimento in reparto, lo intrattengono con giochi e attività adatti alla sua età e situazione, valorizzandone la parte sana, lo assistono durante le visite mediche e le terapie, preparandolo, intrattenendolo e distraendolo, abbelliscono le strutture del reparto con decorazioni, arredi, pupazzi, disegni per renderle più accoglienti e colorate, permettono ai genitori di distrarsi o assentarsi momentaneamente, ascoltano i problemi e le ansie dei genitori, li sostengono, li consigliano, li guidano, li informano, stimolano e favoriscono il gioco del bambino ricoverato. Il gioco è l’attività per eccellenza dei bambini, con implicazioni fondamentali per il loro corretto sviluppo psico-emotivo. In ospedale il gioco è importante in quanto: costituisce la continuità con la vita normale fuori dal reparto e quindi recupera la dimensione sana del bambino in un ambiente che ne sottolinea quella fragile; consente di dar voce al subconscio, scaricando rabbia e frustrazioni, esteriorizzando timori, tensioni e paure, esprimendo sentimenti e desideri, difendendolo dall’angoscia e dall’ansia in modo accettabile e piacevole; permette di evadere con la fantasia dalla realtà e di distrarsi dalla sofferenza e dalla noia; promuove attività di socializzazione”. Quest’anno ABIO Castellammare fa una particolare dedica della giornata alla memoria della cara Raffaella Pandolfi, che offrì un suo spettacolo all’Associazione nel 2014. Ricorda la presidente, Donatella Abate: “Una donna eccellente nella professione, nell’arte e nel cuore…Che ha messo la Sua passione al servizio dei bambini ricoverati in ospedale. Sarai sempre con noi… Ciao Raffa!”.Sabato 24 e domenica 25 settembre dalle 8,00 alle 14,00 si tiene in 150 piazze d’Italia la consueta raccolta di beneficenza a favore di ABIO, l’associazione a sostegno dei bambini ricoverati nei reparti di Pediatria degli ospedali italiani. La manifestazione, giunta alla dodicesima edizione, rientra nella Giornata Nazionale “per Amore, per ABIO”. Grazie ai contributi dei sostenitori, l’Associazione, attiva in Italia dal 1978, realizza corsi di formazione per portare nuovi volontari nei reparti di Pediatria delle città italiane, e li rende “a misura di bambino” con libri e giochi, palloncini, sussidi didattici ed intrattenimenti. Durante la Giornata Nazionale “perAmore, perABIO” in tutt’Italia i volontari ABIO allestiscono stand in piazza offrendo un cestino di ottime pere, simbolo della Giornata, in cambio di una donazione per aiutarli a donare un sorriso ai piccoli ricoverati. La Giornata Nazionale ABIO può contare sull’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, sul Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. ABIO ONLUS è stata fondata a Milano nel 1978 per promuovere l’umanizzazione dell’ospedale, offrendo appoggio al bambino e alla sua famiglia, per rendere loro il meno traumatica possibile l’esperienza del ricovero. I volontari ABIO si occupano di sostenere e accogliere, in collaborazione con medici e operatori sanitari, bambini e famiglie che entrano in contatto con la struttura ospedaliera. Rappresentante italiano di EACH (European Association for Children in Hospital), che raggruppa e coordina le associazioni a favore dei bambini ricoverati di 16 Paesi europei, Fondazione ABIO Italia ONLUS coordina e promuove l’attività delle 68 Associazioni ABIO che con i loro 5.000 volontari, in tutta Italia, offrono un valido e costante supporto ai bambini e alle loro famiglie. Ogni anno ABIO realizza in Italia: 600.000 ore di servizio di volontariato presso le pediatrie ospedaliere, 500 ore di formazione e aggiornamento dei volontari, fornitura di materiale ludico-ricreativo in tutti i reparti. ABIO Castellammare, attiva nel reparto di Pediatria di Castellammare di Stabia, vi aspetta con i suoi volontari sabato 24 e domenica 25 a Sorrento in Piazza Lauro, di fronte alla Libreria Tasso, dalle 8,00 alle 14,00; la domenica negli stessi orari ci sarà anche una postazione a Piazza Santa Croce a Torre del Greco e Piazza Giovanni Paolo II a Santa Maria La Carità. Spiega il dottor Carlo Alfaro, Dirigente di I livello presso la Pediatria del San Leonardo di Castellammare: “I volontari ABIO accolgono il bambino al momento del ricovero, facilitano il suo inserimento in reparto, lo intrattengono con giochi e attività adatti alla sua età e situazione, valorizzandone la parte sana, lo assistono durante le visite mediche e le terapie, preparandolo, intrattenendolo e distraendolo, abbelliscono le strutture del reparto con decorazioni, arredi, pupazzi, disegni per renderle più accoglienti e colorate, permettono ai genitori di distrarsi o assentarsi momentaneamente, ascoltano i problemi e le ansie dei genitori, li sostengono, li consigliano, li guidano, li informano, stimolano e favoriscono il gioco del bambino ricoverato. Il gioco è l’attività per eccellenza dei bambini, con implicazioni fondamentali per il loro corretto sviluppo psico-emotivo. In ospedale il gioco è importante in quanto: costituisce la continuità con la vita normale fuori dal reparto e quindi recupera la dimensione sana del bambino in un ambiente che ne sottolinea quella fragile; consente di dar voce al subconscio, scaricando rabbia e frustrazioni, esteriorizzando timori, tensioni e paure, esprimendo sentimenti e desideri, difendendolo dall’angoscia e dall’ansia in modo accettabile e piacevole; permette di evadere con la fantasia dalla realtà e di distrarsi dalla sofferenza e dalla noia; promuove attività di socializzazione”. Quest’anno ABIO Castellammare fa una particolare dedica della giornata alla memoria della cara Raffaella Pandolfi, che offrì un suo spettacolo all’Associazione nel 2014. Ricorda la presidente, Donatella Abate: “Una donna eccellente nella professione, nell’arte e nel cuore…Che ha messo la Sua passione al servizio dei bambini ricoverati in ospedale. Sarai sempre con noi… Ciao Raffa!”.

Lascia una risposta